Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia di Salvo, il primo emofilico ad aver corso la Maratona di New York

 

Se correre e terminare una maratona non è un'impresa per tutti, per Salvo Anzaldi è stato ancora più complicato. Non tanto perché a 45 anni non aveva mai indossato le scarpette da ginnastica per correre e neppure perché convive con una protesi totale di ginoccio, ma perché è affetto da una malattia congenita che si chiama emofilia. 

L'emofilia, che è una malattia che ha a che fare con la coagulazione del sangue, da sempre è vista come una malattia che deve portare all'immobilità. "I bambini emofilici non devono correre, giocare e farsi male. Sfidare questo destino è stata l'impresa. L'emofilico quando ha uno dei piccoli incidenti che capitano tutti i giorni deve fare i conti con la coagulazione" - racconta Salvo Anzaldi che nella vita fa il giornalista. 

Ed è dalla sua professione che è nata la voglia di raccontare l'avventura di correre e terminare la Maratona di New York. Tutta la sua esperienza è racchiusa in un libro che si intitola "Nato per non correre" ed è edito da CasaSirio Editore.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento