Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Io, Drag Queen, che ho preso a calci e pugni i bulli che mi hanno aggredito

 

Questa volta il bullo si è dato alla fuga. Mattia, in arte Elecktra Bionic, è una Drag Queen torinese che davanti a un'aggressione omofoba ha deciso di non chinare la testa e di reagire

Siamo in piazza Vittorio angolo con via Bava ed è venerdì notte. Mattia veste i panni di Elecktra Bionic, ha da poco terminato uno spettacolo e insieme a un'altra drag queen decide di andare a terminare la serata mangiando un panino in un locale della zona. I due sono in macchina e devono attraversare con il mezzo i portici. È proprio in questo momento che incontrano i loro aggressori. 

Prima due risate di scherno e qualche battuta di cattivo gusto, ma è quando Mattia e l'altra Dran Queen parcheggiano che avviene il fattaccio. I due aggressori colpiscono il mezzo e si allontanano correndo. Mattia non ci sta, decide di non abbassare la testa. Li chiama e li rincorre. Una volta raggiunti però riceve un pugno in pancia. 

La reazione è di quelle che non ti aspetti. La Drag Queen comincia a picchiare. Calci e pugni. Lo fa a tal punto da mettere in fuga i due aggressori. Poi, le prime medicazioni prestate proprio nel locale dove avrebbe voluto mangiare un panino e il pronto soccorso. Elecktra Bionic così dice di aver voluto lanciare un messaggio, davanti all'omofobia non bisogna subire abbassando la testa. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento