Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uccide i genitori a coltellate, poi scappa: trovato in strada pieno di sangue

Ha confessato tutto

 

Daniele Ferrero, 30 anni, ha ucciso i propri genitori a coltellate nella serata di ieri, lunedì 13 luglio 2020, nell'appartamento in cui abitava in via Biscarra 7, poi è scappato in strada pieno di sangue, vagando sull'auto della madre, finché i carabinieri lo hanno rintracciato a Collegno, nella zona della stazione metro Fermi, in stato confusionale.

Le vittime sono Pierfrancesco Ferrero di 69 anni, pensionato e in passato dipendente di Intesa Sanpaolo, e la moglie Marina Valetti di 60 anni, impiegata al Ministero per lo sviluppo economico a Torino, che erano andati a trovarlo a casa sua e sono stati assassinati nel pomeriggio.

L'assassino ha confessato appena portato in caserma. Per uccidere i genitori ha usato dei coltelli da cucina (ne sono stati sequestrati otto). La dinamica è da chiarire ma è probabile che li abbia colti di sorpresa con fendenti che hanno provocato subito ferite molto gravi e poi li abbia finiti con ulteriori colpi.

Daniele Ferrero soffriva di gravi problemi psichiatrici fin dalla gioventù anche se non aveva mai dato segni di squilibrio che potessero fare pensare a un gesto così violento. Era stato seguito dai servizi psichiatrici della zona di Chieri fino al 2010, quando si era trasferito a Torino.

I genitori, residenti a Baldissero Torinese, venivano a trovarlo tutti i giorni proprio perché conoscevano le sue condizioni psichiche. Si erano fermati alcune notti a dormire ma ieri avevano deciso di tornare a casa. Probabilmente è questa ragione che ha scatenato il raptus. Avevano altri due figli di 26 e 23 anni e vivevano a Baldissero, in una villetta di via Montanino, dal 1983.

Duplice omicidio, parlano i vicini: "Il figlio della coppia dopo un'aggressione non voleva più uscire di casa"

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento