Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spaccio, sgominata la banda che forniva la valle e permetteva pagamenti dilazionati: 12 arresti

 

Dodici arresti, di cui 10 in carcere e due ai domiciliari, e 21 perquisizioni. Sono questi i numeri della maxi-operazione che i carabinieri della compagnia di Susa hanno portato a conclusione nelle ultime ore anche grazie all'ausilio del comando provinciale di Torino, delle unità cinofili e del nucleo elicotteristi. 

A finire in manette sono stati sei marocchini e sei italiani. Gli arresti arrivano al termine di un'indagine molto complessa durata più di un anno. Intercettazioni telefoniche, analisi dei tabulati telefonici e il monitoraggio di alcuni consumatori di eroina, hanno permesso di scovare diverse piazze di spaccio presenti a Torino e in diversi comuni della valle di Susa come Bussoleno, Susa, Oulx, Cesana Torinese e Bardonecchia.

Prima di oggi erano già state arrestate in flagranza di reato quattro persone, permettendo il recupero di 100 grammi di eroina e un chilo di hashish, oltre a varie dosi di metadone. Durante l'operazione conclusa oggi, martedì 25 settembre 2018, è stata scoperta e sequestrata, a Condove nell'abitazione di un brasiliano, anche una serra di marijuana nascosta in appartamento; inoltre sono stati sequestrati tre chili di droga tra marijuana, hashish ed eroina. Parte della droga era nascosta in un tombino nel locale cantina.

Si è partiti da un piccolo spacciatore di eroina nella zona di Bardonecchia. Da questo si è riusciti a ricostruire la rete dei clienti e si è arrivati a trovare le diverse piazze di spaccio. Gli spacciatori, che acquistavano la droga da grossisti a Torino, vendevano anche le siringhe.

Per quanto riguarda i pagamenti, gli spacciatori di eroina erano soliti accettare dilazioni e sorte di mutui fai-da-te, oppure consegna di pegni (documenti, tablet, chiavi dell'auto).

I clienti erano spesso persone seguite dai servizi tossicodipendenze (Sert) della zona. In diversi casi erano soliti rivendere il metadone che veniva loro consegnato dalle strutture sanitarie.

Aggiornamento

Nella giornata di oggi gli arresti sono saliti a 14. In manette sono finiti anche il brasiliano che aveva la serra in casa e un ulteriore italiano trovato con un etto di hashish in casa. In un condominio di via delle Primule, a Torino, è stato scopoerto mezzo chilo di eroina nascosto in un tombino insieme a un altro quantitativo di hashish.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento