Torino, ambulanti pronti alla disobbedienza: "Contro il DPCM piazzeremo lo stesso i banchi al mercato"

Da Fratelli d'Italia appello a Cirio

A poche ore dalla firma del nuovo DPCM da parte del presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, regna ancora sovrana la confusione. A testimoniarlo quanto riferito dagli ambulanti del GOIA che questo pomeriggio sono stati ricevuti in Prefettura, a loro non è stata data ancora alcuna indicazione certa su quel che dovranno fare. Intanto si sono detti pronti a piazzare comunque i banchi al mercato in segno di protesta. 

Da Fratelli d'Italia arriva un appello al presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, perché effettui una deroga in favore degli ambulanti: “Il DPCM prevede all’articolo 3 comma 2 la possibilità di consentire l’esenzione da singole restrizioni con ordinanza firmata dal Ministro alla Sanità e dal Presidente di Regione", spiega l'onorevole Augusta Montaruli, "Questa possibilità non deve restare lettera morta, ma essere colta per scongiurare il collasso economico del Piemonte, condannato a chiudere anche tutto il commercio al dettaglio senza vere motivazioni scientifiche di prevenzione del contagio”.

“Per questa ragione chiediamo formalmente al Ministro Speranza e al Presidente Cirio di concordare un’ordinanza per evitare l’applicazione dell’art. 3 comma 4 lettera b) del DPCM e lasciare aperti tutti quei negozi e banchi nei mercati rionali all’aperto, che hanno già dimostrato di saper garantire con serietà e disciplina contingentamenti, misurazione della temperatura, distanziamenti e igienizzazioni. Bisogna unire le forze per impedire l’abisso di depressione economica che attende il Piemonte con tre settimane di evitabile mortificazione del tessuto commerciale della regione”, conclude Montaruli. 

Si parla di

Video popolari

Torino, ambulanti pronti alla disobbedienza: "Contro il DPCM piazzeremo lo stesso i banchi al mercato"

TorinoToday è in caricamento