rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022

Trasformano il circolo culturale in una discarica abusiva: 300 tonnellate di rifiuti e 25 auto abbandonate

Non aveva cessato l'attività durante l'emergenza

Avevano trasformato un'area gestita da un circolo culturale di Borgaro Torinese, l'Isola del Pescatore, in una vera e propria discarica abusiva a cielo aperto. Al suo interno i carabinieri della stazione di Caselle hanno trovato 300 tonnellate di rifiuti speciali e 25 automobili in stato di abbandono. 

Oli esausti, scarti di plastica, di gomma e rifiuti solidi urbani erano stipati all'area aperta sul terreno gestito da un circolo culturale. Inoltre vi erano anche 25 autovetture sprovviste di autorizzazioni. A finire nei guai il presidente e il gestore del circolo che sono stati denunciati per attività di gestione rifiuti non autorizzata e furto continuato di energia elettrica. L'attività veniva infatti alimentata mediante l'allaccio abusivo alla rete elettrica. L’immobile è stato sottoposto a sequestro. 

I due sono stati anche sanzionati per non aver sospeso l’attività del circolo durante l’emergenza Coronavirus. 

Multa a un circolo di Caselle

Nell'ambito di un'altra operazione che nulla ha a che fare con la notizia precedente, sempre i carabinieri della stazione di Caselle hanno sanzionato un altro circolo culturale di Caselle Torinese per non aver sospeso l’attività durante il periodo di emergenza Coronavirus. Il circolo in questione è il Lago dei Cigni. 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Trasformano il circolo culturale in una discarica abusiva: 300 tonnellate di rifiuti e 25 auto abbandonate

TorinoToday è in caricamento