Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arrestata la portavoce No Tav, dovrà scontare una pena di due anni in carcere

Momenti di tensione tra militanti e polizia

 

È stata arrestata questa mattina, giovedì 17 settembre 2020, Dana Lauriola, la portavoce 38enne del Movimento No Tav. La donna è stata prelevata dalla sua abitazione di Bussoleno. Sul posto c'erano anche alcuni militanti No Tav che nei giorni scorsi avevano dato vita a un presidio permanente. Nelle immagini video pubblicate sulla pagina facebook notav.info si vede il momento in cui Dana Lauriola lascia la propria abitazione e saluta i militanti No Tav. 

La donna è stata arrestata su decisione del tribunale di Torino che ha respinto la richiesta di misure cautelari dopo che è stata condannata in via definitiva a due anni di carcere in seguito a un episodio avvenuto il 3 marzo del 2012. All'epoca 300 persone bloccarono il casello autostradale della Torino-Bardonecchia all'altezza di Avigliana e permisero alle vetture di passare senza pagare il pedaggio. Subito dopo l'arresto della donna si sono registrate alcune tensioni tra forze dell'ordine e i militanti No Tav, circa una quarantina. L'episodio è comunque durato pochi secondi.

Sempre in mattinata i carabinieri della compagnia di Susa hanno notificato a Stefano Milanesi, 63enne militante No Tav ed ex attivista di Prima Linea, gli arresti domiciliari per cinque mesi per un episodio risalente al 2015 al cantiere di Chiomonte.

I No Tav hanno convocato per questa sera alle 20:30 a Bussoleno, in Piazza della Chiesa, una fiaccolata di solidarietà per i due arrestati.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento