rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022

Dare la voce ai film per combattere l'autismo: a Torino una scuola di doppiaggio molto speciale

I ragazzi e le ragazze che partecipano ai corsi si immedesimano così nei personaggi

Arianna ha scelto di doppiare il personaggio di Chihiro del cartone animato 'La Città incantata', mentre Francesco ha prestato la sua voce al mitico Jack Sparrow del film 'Pirati dei Caraibi ai confini del mondo'. Entrambi da qualche anno studiano doppiaggio al Teatr8 di Torino e partecipano al progetto AspieDubProject. 

"È un progetto per ragazzi con autismo ad alto funzionamento", spiega Patrizia Da Rold, attrice e curatrice del progetto, "ci sono ragazzi che hanno diverse difficoltà, chi in un modo e chi in un altro, ma questa attività permette di partire dall'entusiasmo che è la chiave per fare tutto". 

Ma perché il doppiaggio può essere tanto utile per ragazzi e ragazze che hanno la sindrome di asperger o che sono affetti da autismo ad alto funzionamento? "L'idea di utilizzare il doppiaggio è di aiutare i ragazzi a lavorare sulle emozioni, quindi riconoscerle nel personaggio e provare a interpretarle. È un allenamento a guardare l'altro e avere cura nei confronti dell'altro perché non sei tu il protagonista principale, ma lo diventi insieme a chi doppi". 

Un metodo che serve ai ragazzi e alle ragazze a superare le proprie difficoltà e a immedesimarsi in altre persone: "Molto spesso questi ragazzi vanno un po' in ansia e non sanno come reagire a una situazione che si presenta loro. In questo caso quell'ansia viene annullata perché hai un copione e una scena che hai visto e commentato insieme al gruppo", continua Da Rold, "Loro vedono le scene e le ascoltano in un'altra lingua, spesso non capiscono cosa dicono gli attori, ma il come lo dicono e come si parlano è la parte che dobbiamo analizzare e che spingo loro a osservare". 

Perché? "C'è tutto un lavoro che và ad annullare l'ansia", conclude Da Rold, "e che serve a portare i ragazzi a tirare fuori le loro emozioni e a coprire al meglio quell'atmosfera. Il progetto è nato nel 2013 e risulta essere un ottimo allenamento alla quotidianità". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Dare la voce ai film per combattere l'autismo: a Torino una scuola di doppiaggio molto speciale

TorinoToday è in caricamento