Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arriva la corsia ciclabile ed è subito polemica: di cosa si tratta e come funziona

Chi la reputa pericolosa e chi invece necessaria

 

A Torino arriva la corsia ciclabile ed è subito polemica. Si trova in corso Vittorio Emanuele II nel tratto tra corso Re Umberto e via Sacchi ed è nel controviale a ridosso della stazione ferroviaria di Torino Porta Nuova su tutti e due i lati. Non tutti però l'hanno apprezzata. 

Su facebook nel fine settimana sono piovute le critiche. In tanti hanno asserito che la soluzione fosse pericolosa per i ciclisti perché non si tratta di un tratto di strada ad esclusivo utilizzo delle due ruote, ma condivido con gli altri mezzi. Compresi i numerosi bus di linea che passano su quel tratto di strada. 

Di parere diverso è il Bike Pride Torino che difende la soluzione: "Questa non è una pista ciclabile, ma una corsia ciclabile ed è stata introdotta con il decreto rilancio", spiega Elisa Gallo, "È una segnaletica orizzontale che da maggiore visibilità a chi si sposta in bicicletta, si tratta di uno spazio condiviso. Inoltre qui vi è pure la casa avanzata che è riservata ai ciclisti e permette loro di posizionarvisi sopra quando il semaforo è rosso". La casa avanzata è infatti lo spazio di asfalto verniciato di rosso riservato alle biciclette e sul quale non si possono fermare le automobili quando il semaforo è rosso. 

"La corsia ciclabile non è stata compresa perché è nuova. È una soluzione che fa discutere perché siamo abituati ad avere strade con solo auto e spazi con solo biciclette", continua Elisa Gallo che poi sottolinea come quel tratto di strada abbia il limite di velocità dei 20 chilometri orari. 

Torino a che punto è dal punto di vista della vivibilità per i ciclisti? "C'è ancora tanto da fare. Manca ancora una visione generale, il collegare tutte le infrastrutture e le ciclabili, manca la segnaletica per le ciclabili, manca la manutenzione", continua Elisa Gallo che poi conclude, "Questa è una soluzione nata per non togliere parcheggi perché se volessimo solo piste ciclabili, avremmo bisogno di più spazio. Se non vogliamo togliere parcheggi e spazi alle auto dobbiamo pensare spazi condivisi. Questa era una soluzione, ma ci aspettiamo che qualcosa venga fatto in modo più strutturale e più a lungo termine".  

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento