Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, torinesi bloccati in Groenlandia: "Spazio aereo chiuso, non sappiamo quando torneremo"

Erano lì per girare un documentario

 

Erano in Groenlandia per girare un documentario, ma a causa del coronavirus sono rimasti bloccati lì. L'angosciante testimonianza di Francesco Catarinolo, regista 40enne di Torino. Insieme a lui i componenti della troupe di Tekla, casa di produzione torinese. 

"Tra il 18 e il 20 di marzo sono arrivati i primi casi di coronavirsu in Groenlandia e il Governo ha deciso di chiudere lo spazio aereo e noi adesso non sappiamo come faremo a tornare a casa. Il volo che avevamo per questa settimana è stato cancellato", racconta Francesco. 

Loro si trovano a Tasillaq, nella Groenlandia orientale ed erano lì per girare un documentario sull'esploratore Robert Peroni dal titolo The red house, altoatesino. "Tasillaq è il paese più popoloso della costa orientale e ci sono circa 2.000 abitanti. Tutto il resto della popolazione è sparso in piccoli villaggio. C'è un piccolo ospedale con 4 medici e non ha una sala di rianimazione o operatoria. Se ci si ammala l'unica possibilità è volare nella capitale Nuuk, ma non sempre è possibile farlo per colpa del maltempo. Questa è la nostra preoccupazione".  

Al momento secondo il Governo della Groenlandia i casi positivi sono circa una decina: "In questo posto non ci sono tamponi o strutture per confermare i contagi. In realtà il virus potrebbe essere già tra noi e potremmo non saperlo. Noi siamo in contatto con la Farnesina e confidiamo in loro", continua Francesco. 

"Purtroppo a oggi non siamo ancora riusciti a trovare una soluzione per tornare a casa. Saremmo dovuti tornare il 3 prile, ma le compagnie aeree ci hanno comunicato che il primo volo disponibile per l'Islanda sarà il 15 aprile", spiega Francesco che poi aggiunge che la sua paura è che però la chiusura dello spazio aereo verrà prolungata oltre.  

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento