Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vivere in strada ai tempi del coronavirus: difficoltà, paure e speranze di un senzatetto

Vicini per difendersi dai pericoli

 

Non sono più del solito, ma lo sembrano. A fungere da fattore moltiplicare è la desolazione che anima il centro di Torino in questi giorni, vuota dai tanti cittacini che sono costretti a stare a casa. Loro però non hanno una casa e la strada è diventata la loro stanza da letto. 

Sono i senza fissa dimora, gli ultimi, quelli che non possono rispettare le misure imposte da Governo perché non hanno un tetto sotto il quale rifugiarsi e che sono costretti a rimanere per strada anche in questo periodo. "Per noi è ancora più difficile - racconta un ragazzo che vive insieme alla sua compagna sotto i portici di via Po -. Non c'è più nessuno in giro ed è difficile chiedere da mangiare o qualche moneta". 

Se già normalmente raccimolare qualche spicciolo per loro non è cosa semplice, il minor passaggio di uomini e donne rende la vita di queste persone ancora più impossibile: "Qualche volontario passa. La sera vengono a portarci le coperte o qualcosa di caldo però non si può vivere solo con quel che ci danno loro". 

Questo però non è l'unico aspetto negativo di tutta questa storia, perché di ancora più angosciante c'è il senso di paura che è aumentato: "Con il fatto che ci sono meno persone in giro è tutto più pericoloso e oltretutto la gente è libera di girare a viso coperto. Qualche delinquente magari si sente più libero di fare le proprie malefatte. Abbiamo dei nostri amici che stanno qui vicino e ci guardiamo a vicenda. Cerchiamo di stare più persone vicine in modo che se succede qualcosa basta fare un fischio". 

E la paura di prendere il coronavirus? "Non mi preoccupa. Se deve succedere, succede sia che sono qui, sia che sono in casa. Sono fatalista". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento