Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, sciacalli in azione: si fingono ispettori dell'ASL | Le raccomandazioni

Il Questore ha invitato i cittadini a denunciare anche chi diffonde le fake news

 

Sciacalli in azione, la psicosi da Coronavirus il mezzo per introdursi nelle abitazioni di anziani. A lanciare l'allarme sono stati Luigi Icardi, assessore alla Sanità della Regione Piemonte, e Giuseppe De Matteis, il Questore di Torino. 

"Stanno girando purtroppo delle persone che vanno a casa di anziani dicendo che sono mandati dall'ASL per la questione Coronavirus: non è vero. Noi non mandiamo nessuno in nessuna abitazione a meno che non sia concordato con il residente per questioni sanitarie. Chiunque suoni il campanello non è inviato dall'ASL", ha detto Icardi che poi ha aggiunto, "Stanno succedendo fatti di sciacallaggio. Faremo le denunce sia contro queste attività, sia per le false informazioni". False informazioni che sono legate soprattutto a falsi numeri di emergenza che starebbero circolando su alcune chat di whatsapp. 

Il Questore De Matteis ha invitati i cittadini a denunciare sia i falsi ispettori dell'ASL, sia chi diffonde false notizie che possono turbare l'ordine pubblico: "Invitiamo le persone che venissero contattate da questi soggetti a contattare immediatamente le forze dell'ordine. C'è anche un piccolo incremento delle fake news relative ad allarmi dovuti alle probabilità di contaggio del Coronavirus. Anche in questo caso chi utilizzando qualsiasi mezzo, anche i social, dovesse diffondere false informazioni atte a turbare l'ordine pubblico commette un reato procedibile d'ufficio. Invitiamo i cittadini a segnalarci eventuali reati dei quali venissero a conoscenza".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento