Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Traffico illecito di rifiuti, 11 indagati: cospargevano compost non trattato su terreni agricoli tra Torinese, Astigiano e Cuneese

Avevano un profitto di 1.500.000 di euro

 

Traffico illecito di rifiuti. È questa l'accusa che viene mossa nei confronti di undici persone che avrebbero versato compost per agricoltura non trattato con tracce di mercuri, idrocarburi e salmonella incompatibili con la produzione agricola. Il compost sarebbe stato versato in terreni presenti sulle province di Torino, Cuneo e Asti. Da una prima stima il profitto illecito ammonterebbe a un milione e mezzo di euro. 

Il modus operandi è semplice. I militari si sono concentrati sulle attività di una ditta cuneese, la “Olmo Bruno srl” di Magliano Alfieri. A dare il via all'indagine le segnalazioni di cittadini e articoli di giornale che nel 2019 lamentavano odori molesti nelle vicinanze della ditta o dei terreni oggetto di spandimento. 

La ditta a partire da fanghi di impianti di depurazione di acque reflue produce compost per uso agricolo, ma le indagini dei carabinieri forestali hanno appurato che i rifiuti non venivano sottoposti ai cicli di lavorazione previsti (non inferiori a 90 giorni per abbatterne la carica microbica, gli odori molesti ed il potenziale inquinante).

È stato appurato dai carabinieri che dopo l’ingresso nell’impianto di trattamento i rifiuti venivano distribuiti in campo tal quali, senza alcun trattamento e miscelazione col verde, abbattendo i costi gestionali ed incrementando i quantitativi gestiti. Il milione di euro e mezzo di profitto è dato dal fatto che l'azienda riceveva un compenso di 7/10 euro a tonnellata di materiale trattato. 

In totale sono state effettuate perquisizioni su 18 obiettivi tra sedi aziendali, 2 laboratori chimici (di cui uno in provincia di Torino) e dimore private, nonché posti sotto sequestro penale, l’intera area aziendale (2 ettari circa e due capannoni) e circa 40 ettari di terreni agricoli e/o incolti, ubicati nelle province di Asti, Cuneo e Torino (già inseriti in richieste di contributi pubblici per l’agricoltura) su cui è stato osservato lo spandimento illecito di “falso compost”. Eseguite infine per gli 11 indagati le misure cautelari degli arresti domiciliari e dell’obbligo di firma, disposte dal GIP.

Il principale reato al momento contestato è quello di traffico illecito ed organizzato di ingenti quantitativi di rifiuti

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento