Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente tra le macerie lasciate dal maltempo: "Fondi europei per recuperare il patrimonio storico"

Conto danni: 200mila euro solo per quelli ordinari

 

Chieri è una delle cittadine del torinese che è stata maggiormente colpita e danneggiata dal violento nubifragio che si è abbattuto l'11 agosto scorso. L'amministrazione comunale ha cominciato a fare il conto dei danni subiti e la cifra si aggira intorno ai 200.000 euro. Soldi che servirebbero semplicemente a mettere in sicurezza i luogi e le strade, ma che non bastano per riportare lo stato delle cose a prima del nubifragio. 

Ci sono però danni che sono incalcolabili, come quelli subiti dalla guglia della chiesa di San Domenico o la ciminiera dell'Imbiancheria del Vajro. Danni ingenti perché toccano il patrimonio storico e artistico del Comune. 

A Chieri oggi, venerdì 30 agosto 2019, è arrivato il governatore della Regione Piemonte Alberto Cirio che, prima, ha incontrato i sindaci di Chieri, Mappano, Pralormo, Andezeno, Bardonecchia, Carmagnola, Trofarello, Moriondo Torinese, Arignano e Montà e poi ha voluto visitare di persona alcuni dei luoghi danneggiati dal nubifragio. 

Il governatore ha anche assunto un impegno: "Anche i fondi europei potranno aiutare Chieri a risollevarsi. C'è la possibilità di recuperare un patrimonio storico - ha detto riferendosi all'imbiancheria del Vajro -. Su questo stiamo lavorando per rimodulare un intervento di fondi europei che sono finalizzati all'arte e alla cultura e che, con la celerità che il sindaco mi ha garantito nel presentare i progetti, credo potranno già trovare soluzione nelle prossime settimane".  

Poi Cirio ha visitato la Tessitura Casalegno di Chieri che ha subito ingenti danni. Il tetto ha subito infiltrazioni e l'acqua ha toccato macchinari, materiali tessili e computer. Il titolare dell'azienda ha raccontato al governatore che i propri dipendenti una volta saputo del disastro si sono auto-organizzati per tornare al lavoro e rimettere a posto l'azienda che lunedì prossimo riaprirà regolarmente. 

Infine è stata visitata anche la piscina comunale di Chieri: in questo caso la cupola in vetro che era sul tetto è stata sradicata dal vento ed è finita nel parcheggio adiacente. Riaprirà il prossimo 23 settembre. Cirio ha infine dichiarato che è tutto pronto per presentare sul tavolo del Governo lo stato di emergenza per il Piemonte. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento