In piazza per i 158 anni dell'Unità d'Italia, il vicesindaco: "No alle autonomie, sì all'accoglienza"

Centocinquattotto anni e un giorno. Il Paese ieri - domenica 17 marzo - ha festeggiato il 158esimo anniversario dell'Unità d'Italia e questa mattina - 18 marzo - a Torino, in piazza Castello, le Istituzioni hanno celebrato l'evento durante una cerimonia sotto il monumento all'Alfiere dell'esercito sardo. 

In prima fila anche il vicesindaco della Città di Torino, Guido Montanari: "Il tema dell'unità del Paese è sempre più attuale anche di fronte a qualche progetto di regionalizzazione che mi lascia perplesso. Abbiamo faticato a costruire un Paese unito e se tutto ciò viene spezzettato in tante autonomie credo che rischiamo pesantemente. Non dobbiamo tornare indietro, dobbiamo valorizzare i poteri locali, ma stare in un quadro fortemente nazionale". 

"Il nostro Paese, come dice anche la Costituzione, deve accogliere gli stranieri dedicandosi ad affermare i principi costituzionali" - ha continuato Montanari e poi ha affermato la necessità di superare le barriere nazionali e dedicarsi alla costruzione di elementi di Governo internazionali come l'Europa. 

Si parla di

Video popolari

In piazza per i 158 anni dell'Unità d'Italia, il vicesindaco: "No alle autonomie, sì all'accoglienza"

TorinoToday è in caricamento