Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hanno beni per 2milioni di euro, ma dichiarano molto meno: maxi-sequestro a moglie e marito

L'anno scorso i due avevano subito un sequestro per 1.600.000 euro

 

Tre appartamenti a Carmagnola, due società a responsabilità limitata e un paio di automezzi di tipo commerciale del valore di 350.000 euro. È questo il risultato del nuovo maxisequestro - valore complessivo di 2.000.000 di euro - che gli uomini della Divisione Anticrimine della Questura di Torino hanno effettuato ai danni di un cittadino albanese di 54 anni e di una cittadina italiana di 44 anni. 

I due nel giugno scorso avevano già subito un sequestro per di beni mobili e immobili per un valore complessivo di 1.650.000 euro. L'uomo in passato è stato già condannato per furto e reati in materia di stupefacenti e armi.

Alla base del sequestro ci sarebbe la convinzione da parte degli investigatori che il patrimonio sia frutto dell'investimento di denaro accumulato attraverso attività illecite. Gli accertamenti infatti dimostrerebbero una netta sproporzione tra il tenore di vita dei due e quanto dichiarato al fisco.  

Durante le operazioni di sequestro i militari hanno anche trovato un'ingente quantità di vini e alcolici di alta qualità e il materiale necessario per la contraffazione delle date di scadenza dei prodotti alimentari. Inoltre all’interno di un locale, un tempo destinato a piccolo supermercato sono state rinvenute munizioni per arma comune da sparo e un impianto utilizzabile per la coltivazione della cannabis. Per quest'ultimo fatto è stato denunciato un cittadino italiano che risulta locatario del magazzino.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento