Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Suonano per un minuto le campane nei paesi: il richiamo della montagna piemontese | Video

Attirare l'attenzione sul momento difficile vissuto dai comuni montani

 

Un minuto di rintocchi per richiamare l'attenzione di tutti sul difficile momento di chi vive e lavora in montagna, ai tempi della diffusione delle emergenze sanitaria, sociale ed economica, generata dalla pandemia COVID-19 e delle diverse norme volte a contenerne la diffusione. È la protesta pacifica, ma rumorosa, che hanno messo in atto questa mattina, venerdì 5 febbraio, i comuni montani del torinese. 

Nelle immagini che vede il flash mob che si è tenuto ad Ala di Stura al quale ha partecipato Marco Bussone, presidente nazionale di UNCEM, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani. La manifestazione è stata promossa da Marco Di Marco, scrittore e giornalista: “Lo scopo primario è quello di dare un segnale di montagna unita e compatta in un periodo in cui gli enormi problemi che la coinvolgono, uno su tutti la chiusura ai turisti degli impianti di risalita stanno finendo dentro ad un cassetto per essere dimenticati. L’evento non ha colori politici, appartiene solo e soltanto alle nostre montagne bianche e non vuole essere assolutamente un lamento, bensì semplicemente un segnale di richiamo a non dimenticarsi della montagna che deve rimanere assolutamente tra gli argomenti di attualità a tutti i livelli, alla vigilia dei Campionati Mondiali di sci alpino”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento