Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le storie di chi ama Borgo Rossini diventano un libro: "Questo è un luogo straordinario e da raccontare"

Il progetto di Paolo Morelli e Rocco Pinto

 

Borgo Rossini e i racconti dei suoi abitanti diventano un libro di un libraio di quartiere e di un giornalista. Ad animare il progetto 'Borgo Rossini Stories' sono stati Paolo Morelli, giornalista torinese, e Rocco Pinto, libraio della Libreria Il Ponte sulla Dora. 

Borgo Rossini stories, edito da Graphot Editrice, è un progetto che è nato da una rassegna ideata durante il primo lockdown. Sono stati raccolti 53 racconti di scrittori, commercianti, abitanti e appassionati del quartiere. "Abbiamo coinvolto abitanti del quartiere, ex abitanti e persone che conoscono per qualche motivo questo quartiere. Ci sono le storie di personaggi importanti del quartiere come per esempio Torre. Abbiamo coinvolto la comunità che si è stretta attorno al progetto con entusiasmo", spiega Paolo Morelli. 

"Borgo Rossini è un luogo straordinario perché è un luogo di confine. Non siamo in centro o in periferia. Il giusto sta nel mezzo, la Dora ci separa dal centro. Non avevamo alcuna intenzione di scrivere un libro, ma con il tempo ci siamo resi conto che questi racconti erano belli", spiega Rocco Pinto. 

Ma l'esperimento non terminerà qua, infatti il prossimo progetto sarà dedicato a Barriera di Milano: "Abbiamo pensato a Barriera di Milano perché è un quartiere ricco di problematiche e di risorse. È un laboratorio", conclude Rocco Pinto. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento