Torino, ecco il bike sharing dedicato ai bambini disabili: come funziona

Offerto dalla Fondazione Paideia

Si chiama 'Tutti in sella' ed è l'iniziativa che la Fondazione Paideia ha voluto mettere in campo per i bambini con disabilità e per le loro famiglie. Si tratta di un servizio di bike sharing accessibile e gratuito. In totale verranno messi a disposizione quattordici mezzi che possono rispondere alle diverse esigenze del bambino. 

Le biciclette permettono al bambino e al genitore di andare in bicicletta insieme. Ci sono quelle con la pedalata in tandem, quelle sulle quali si può montare una carrozzina e quelle che hanno una seggiola che nel caso può essere smontata e utilizzata per proseguire la passeggiata senza bicicletta. 

L'iniziativa rientra nei progetti per lo sport della Fondazione Paideia. "In questo progetto apprezzo molto l'elemento di cura delle relazioni sociali", ha spiegato Stefano Lo Russo, sindaco di Torino, "La solitudine è tema delicato, che riguarda tutti gli strati sociali. La pandemia ha portato tante cose brutte, fra cui una sensazione di frammentazione e isolamento. Alle istituzioni compete far tornare i torinesi consapevoli di non essere soli e di poter chiedere aiuto. Rendere la pratica sportiva accessibile a tutti qualifica questo progetto, che la Città condivide pienamente".

La Fondazione Paideia segue circa 700 nuclei familiari che hanno bambini con disabilità. 

Video popolari

TorinoToday è in caricamento