Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vuole salire sul bus ma l'autista gli dice di no, poi arrivano i carabinieri

I sindacati: "Difficile lavorare così"

 

Dura la vita per gli autisti dei mezzi pubblici ai tempi del coronavirus. Le immagini girate all'ora di pranzo di oggi, domenica 12 aprile 2020, mostrano un autista della linea 41 Gtt al capolinea di strada Orbassano a Borgaretto di Beinasco costretto ad allontanare un aspirante passeggero che insisteva per essere caricato perché avrebbe dovuto "andare a prendere un caffè". Lo stesso passeggero, poco prima, aveva importunato un'altra conducente e, nei giorni scorsi, aveva colpito un altro bus della linea 48 con sassi.

In questo caso l'autista ha chiamato i carabinieri che hanno identificato l'uomo a terra. Si tratta però di una persona seguita dai servizi psichiatrici della zona. Per questa ragione i militari dell'Arma hanno preferito accompagnarlo a casa e affidarlo a una vicina piuttosto che denunciarlo.

"Al di là del problema specifico - dicono dalla Faisa-Cisal - è difficile lavorare tutti i giorni in queste condizioni. Non abbiamo porte di sicurezza e il nastro davanti è troppo poco per assicurare ai nostri autisti di lavorare con serenità. Abbiamo chiesto che vengano fatti più controlli, in particolare ai capilinea, perché ogni giorno per chi è sul campo è una battaglia".

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento