Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cinque province piemontesi diventano zona rossa, la furia del sindaco: "Informato dalla tv"

Non si potrà entrare né uscire

 

Dalla serata di ieri, sabato 7 marzo 2020, le province di Asti, Alessandria, Novara. Vercelli e Verbano-Cusio-Ossola fanno parte della zona rossa per il coronavirus. Questo significa che, a meno di gravi e documentati motivi, non vi si potrà né entrare né uscire e vi sarà anche limitato lo spostamento al loro interno. È quanto contenuto nel decreto emanato dal governo e firmato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte. Il provvedimento ha durata fino al prossimo 3 aprile 2020. Sono quindi interessate un milione e 600mila persone residenti nelle cinque province.

Nei bar, nei ristoranti e nei negozi (compresa la grande distribuzione) è obbligatorio mantenere un metro tra un avventore e un altro, pena la chiusura dell'esercizio, e sono chiusi piscine, palestre, discoteche e centri d'aggregazione in genere. Le chiese e gli altri luoghi di culto sono aperti con le stesse limitazioni degli esercizi pubblici. Bloccati i matrimoni, mentre i funerali si svolgono in sostanza a porte chiuse. I centri commerciali resteranno chiusi il sabato e la domenica. Gli eventi sportivi dei professionisti si tengono a porte chiuse, gli altri sono sospesi.

A fare rispettare il provvedimento ci saranno l'esercito e le forze dell'ordine. Chi viola le disposizioni rischia l'arresto fino a tre mesi.

Il sindaco di Asti, Maurizio Rasero, dice di avere saputo della misura guardando il canale televisivo La7 e ha postato su Facebook il video che vi proponiamo in cui esterna tutta la sua rabbia. "Non ne sapeva nulla nessuno - dice -, anzi ci avevano detto che la situazione era sotto controllo. Abbiamo molti casi, ma non ci sono grossi problemi di gestione dell’emergenza" . Il primo cittadino ha chiesto subito un incontro al prefetto.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento