Il monito di Cirio: "Assembramenti in centro inaccettabili: chiesto interventi netti per limitarli"

Il governatore si è detto preoccupato che il Natale possa essere una nuova estate

Lo sguardo è duro, il tono inflessibile; alle sue spalle il logo del Dirmei, il Dipartimento Interaziendale Malattie ed Emergenze Infettive. Alberto Cirio, il presidente della Regione Piemonte, affida a un video messaggio rilasciato nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 30 novembre 2020, il suo monito ai cittadini piemontesi. 

"Da domenica il Piemonte è zona arancione e questo vuol dire una serie di libertà in più. Quel che ho visto nella giornata di domenica è stato qualcosa che speravo di non rivedere. Mi è tornata alla mente questa estate, quando usciti dalla Fase 1 dell'emergenza si è vissuto come se le regole fossero un ricordo del passato", dice Cirio. La sua preoccupazione è che la smania dei piemontesi di godersi la rinnovata libertà possa trasfromarsi nell'ennesima miccia in grado di accendere nuovamente la pandemia. Ieri sul tema si è tenuta una prima riunione delle istituzioni. 

"Le immagini degli assembramenti nel centro di Torino mi hanno portato a richiedere al comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica un intervento forte, netto e determinato perché quelle situazioni non debbano più accadere", ha spiegato Cirio, "Non possiamo permetterci vanificare lo sforzo fatto". 

Nel pomeriggio di oggi, martedì 1 dicembre, ci sarà l'ennesima riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica insieme alle categorie dei commercianti per cercare soluzioni che limitino il caso nelle vie delle città piemontesi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Il monito di Cirio: "Assembramenti in centro inaccettabili: chiesto interventi netti per limitarli"

TorinoToday è in caricamento