Raccolta differenziata in tutta la città entro il 2023, nonostante le resistenze

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Raccolta differenziata porta a porta su tutta la Città entro il 2023. L'annuncio è stato fatto dal Comune, insieme ad Amiat Gruppo Iren e Conai. L'obiettivo da raggiungere è il 65% di raccolta differenziata; oggi Torino è di poco sopra il 40%. Entro il quarto trimestre di quest'anno il porta a porta dovrà arrivare nella zona Lingotto-Filadelfia e Paracchi, servendo circa 46 mila abitanti. A seguire, dal 2019 al 2023 le altre zone cittadine a cominciare dal completamento di Santa Rita, seguita poi da San Paolo, Cenisia e Spine 3 e 4 nel 2020. 

Previste anche soluzioni su misura per alcune zone della città come il centro, per San Salvario si pensa a nuove ecostazioni stradali, contenitori di volumetrie maggiori e Cartamovida per la raccolta cartone. Allo studio altre soluzioni innovative come ecoisole smart con controllo degli accessi. 

Fisiologiche alcune resistenze da parte della cittadinanza che però, ha precisato il presidente di AMIAT Christian Aimaro, verranno superate con un piano di comunicazione specifico e con l'inserimento di presidi territoriali. È prevista anche una comunicazione multilingue per coprire quelle zone della città con alta presenza di popolazione straniera. 

Potrebbe Interessarti

  • Coppia fa sesso davanti all'ospedale Oftalmico, in pieno centro città: video

  • Cuoco uccide il giardiniere a coltellate: gli istanti dopo l'omicidio

  • Risse, strattoni e urla in mezzo alla strada: i tossici mettono in subbuglio il lungo fiume

  • Donna si lancia dalla finestra mentre la polizia sgombera la palazzina: video

Torna su
TorinoToday è in caricamento