Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scoperti due laboratori dell'orrore: 30 operai segregati nella fabbrica di pellame

Pagati 30 centesimi l'ora

 

È una storia che arriva dalle terre di 'Elisa di Rivombrosa', ma questa volta non è una fiction. Si tratta invece di un brutto caso di sfruttamento, degrado e schiavitù. A scoprire i laboratori dell'orrore, a metà novembre 2019, sono stati gli uomini della guardia di finanza di Torino. 

Siamo ad Aglié, Cuceglio (dove si trovavano i magazzini) e Montalenghe (dove si trovavano il laboratorio e il dormitorio), nel torinese. Qui i finanzieri sono riusciti a intercettare l'operato criminoso di una coppia, marito e moglie. Lei, una donna cinese di 28 anni, lui, un uomo italiano di 26 anni. I due sono accusati di sfruttamento del lavoro e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ma la loro posizione presto potrebbe aggravarsi fino a ipotizzare l’accusa di riduzione in schiavitù. Pena prevista 20 anni di carcere.

Avevano trasformato le loro aziende per la lavorazione di pellami in veri e propri laboratori dell'orrore. I propri dipendenti, in totale una trentina di operai, erano romeni, italiani e cinesi, alcuni clandestini, che venivano segregati, videosorvegliati e alloggiati nel più totale degrado. Inoltre lavoravano senza sosta per 15 ore lavorative al giorno per un paga di 30 centesimi l'ora. 

Gli operai lavoravano dalle 9 del mattino a mezzanotte e non avevano pause, venivano sorvegliati tramite delle telecamere di videosorveglianza, l’impianto di riscaldamento all'interno dei laboratori era inesistente, erano costretti a dormire in lettini posizionati vicino alle postazioni di lavoro, avevano un bagno in comune, ma rotto, tanto da dover fare i propri bisogni in buste di plastica, tutte le finestre del laboratorio erano state oscurate.

Grazie all'intervento dei finanzieri l'orrore è terminato: i due laboratori sono stati chiusi e sigillati, i dipendenti identificati e i due imprenditori dovranno rispondere alla procura della Repubblica di Torino di reati quali lo sfruttamento del lavoro e il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento