Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

60 assunzioni e 700 pensionamenti: rischia di andare in tilt il sistema dell'Agenzia delle Entrate

A rischio servizi al cittadino

 

Scendono in piazza anche i lavoratori dell'Agenzia delle Entrate. Denunciano la carenza di personale: previsti in due anni 700 pensionamenti a fronte di un piano che prevede solamente 60 nuove assunzioni. Previsti disagi nei servizi. 

Si sono radunati questa mattina, giovedì 23 gennaio, alle dieci davanti alla sede dell'Agenzia delle Entrate in corso Vinzaglio. Per due ore hanno incrociato le braccia in segno di protesta. Sono i lavoratori delle Entrate che rischiano una riduzione di personale notevole. "Quando è stata costituita l'Agenzia delle Entrate e del territorio insieme in Piemonte eravamo circa 2.900 lavoratori, ma con i pensionamenti previsti entro fine anno arriveremo intorno ai 2.100 circa. Si parla solo nel periodo 2019/2020 di 700 pensionamenti a fronte di un piano di assunzioni di 60 persone", raccontano. 

"Tutto questo va a impattare sui carichi di lavoro e ovviamente sul servizio che verrà offerto all'utenza che andrà in grossissima criticità. Si parla di servizi come l'erogazione del codice fiscale ai neonati, dell'apertura delle partite iva, lo sgravio delle cartelle, fino all'erogazione dei rimborsi. Tutto questo, a fronte del personale decurtato del 25%, andrà a impattare sulla qualità e sulla tempistica dei servizi erogati", continuano.

Poi c'è anche la questione della lotta all'evasione fiscale: "Il Governo ha appena approvato una manovra in cui si parla di recupero di 3 miliardi di euro di evasione fiscale che andranno a beneficio dei cittadini. Miliardi che servono a garantire servizi come quelli dell'istruzione, del trasporto pubblico e della sanità. Si tratta però di risorse che devono essere recuperati da noi lavoratori che però diminuiamo. Oggi gli uffici sono chiusi, ma noi chiediamo di essere messi in condizione di svolgere il nostro lavoro al servizio della cittadinanza".

I sindacati CGIL, CISL, UIL, CONFSAL/UNSA e FLP hanno poi tenuto un'assemblea pubblica davanti alla sede dell'Agenzia delle Entrate. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento