Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino, prima città in Italia a sperimentare i sensori per i parcheggi per disabili: video

Stalli al Cottolengo e Largo Cibrario. Si potrà monitorare se il parcheggio è occupato e da chi

 

Torino è la prima città italiana a istituire i parcheggi intelligenti riservati alle persone con disabilità grazie all'adozione di una speciale tecnologia. A presentarla è stata la sindaca di Torino, Chiara Appendino, insieme all'assessora ai Trasporti della Città, Maria Lapietra. 

Il primo parcheggio intelligente è posizionato di l'Ospedale Cottolengo di Torino dove è stato posato il primo stallo DEPS, acronimo di Disabled Easy Parking System. Una tecnologia che è destinata ai parcheggi per le persone disabili e che mira a semplificare le esigenze di spostamento, in grado di capire in tempo reale e in maniera autonoma chi lo sta occupando e prendere le relative decisioni per renderlo nuovamente disponibile in caso di illecita occupazione.

Il sistema DEPS consente, tramite l’utilizzo di un’applicazione, di conoscere preventivamente l’esatta ubicazione degli stalli e lo stato occupazionale dei medesimi, ovvero comprendere quali sono liberi e quali no. In caso di indebita occupazione, nel corso di pochi minuti arriva una segnalazione alle forze dell'ordine che possono intervenire tempestivamente. Si sono scelti due campi di test differenti su cui mettere in prova tale sistema: l’ospedale Cottolengo e Largo Cibrario per un totale di 10 stalli. Sugli stalli verrà installata un particolare cartellonistica che conterrà informazioni su come scaricare l'app e come richiedere l'accesso.

La sperimentazione è realizzata nell’ambito di Torino City Lab, il “laboratorio a cielo aperto” del Comune di Torino che vuole supportare le imprese in attività di co-sviluppo e testing di soluzioni innovative di frontiera, in condizioni reali sul territorio cittadino.

Gli altri attori coinvolti nella sperimentazione sono: Consulta per le Persone in Difficoltà (CPD), Lions Distretto Ia1 – L.C. Stupinigi 2001, l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti sez. Torino (UICI) e la Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA).
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento