Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bombe a mano e pistole dentro la cesta dei panni sporchi, arrestato operaio torinese

Accusa di ricettazione e detenzione di armi comuni e da guerra

 

Aveva un vero e proprio arsenale nascosto in casa dentro la cesta dei panni sporchi e sotto il lavello. Un operaio italiano di 42 anni è stato arrestato con l'accusa di ricettazione, detenzione illegale di armi da sparo comuni e da guerra e di detenzione illegale di sostanze stupefacenti. 

Sì, perché a casa dell'uomo è stato trovato anche un panetto di hashish da 90 grammi però la vera sorpresa i carabinieri della Stazione di Leinì l'hanno avuta quando hanno guardato dentro la cesta dei panni sporchi. Là dentro hanno trovato tre pericolose bombe a mano di fabbricazione jugoslava perfettamente funzionanti e contenenti ognuna  33 grammi di esplosivo, centinaia di sfere in acciaio, tre pistole rubate e un petardo.

L'uomo, residente a San Francesco al Campo, aveva anche ricavato un'apposita intercapedine sotto il lavello di casa per nascondere parte dell'armamentario. L'operaio, una volta arrestato è stato portato in carcere a Ivrea. Le bombe a mano sono state disinnescate e poste in sicurezza, mentre le pistole saranno inviate al Ris dell’Arma per verificare se siano state eventualmente utilizzate per commettere delitti.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento