Bombe a mano e pistole dentro la cesta dei panni sporchi, arrestato operaio torinese

Accusa di ricettazione e detenzione di armi comuni e da guerra

Aveva un vero e proprio arsenale nascosto in casa dentro la cesta dei panni sporchi e sotto il lavello. Un operaio italiano di 42 anni è stato arrestato con l'accusa di ricettazione, detenzione illegale di armi da sparo comuni e da guerra e di detenzione illegale di sostanze stupefacenti. 

Sì, perché a casa dell'uomo è stato trovato anche un panetto di hashish da 90 grammi però la vera sorpresa i carabinieri della Stazione di Leinì l'hanno avuta quando hanno guardato dentro la cesta dei panni sporchi. Là dentro hanno trovato tre pericolose bombe a mano di fabbricazione jugoslava perfettamente funzionanti e contenenti ognuna  33 grammi di esplosivo, centinaia di sfere in acciaio, tre pistole rubate e un petardo.

L'uomo, residente a San Francesco al Campo, aveva anche ricavato un'apposita intercapedine sotto il lavello di casa per nascondere parte dell'armamentario. L'operaio, una volta arrestato è stato portato in carcere a Ivrea. Le bombe a mano sono state disinnescate e poste in sicurezza, mentre le pistole saranno inviate al Ris dell’Arma per verificare se siano state eventualmente utilizzate per commettere delitti.
 

Si parla di

Video popolari

Bombe a mano e pistole dentro la cesta dei panni sporchi, arrestato operaio torinese

TorinoToday è in caricamento