Maxi sequestro di capi contraffatti per oltre 500.000 euro: nei guai un imprenditore

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Maxi sequestro della Guardia di Finanza di Torino. I Baschi Verdi del Gruppo di Torino, partendo dal sequestro di capi di abbigliamento contraffatti trovati all'interno di uno store di Rosta gestito da un imprenditore cinese, sono riusciti a risalire all'importatore della merce falsa. I depositi erano a Milano e in Agrate Brianza. In totale sono stati sequestrati 15.000 articoli di maglieria falsi e migliaia di etichette ed imballi pronti per il confezionamento dei capi di abbigliamento. Il tutto per un valore di oltre 500.000 euro.

Gli inquirenti, che per le analisi dei filati si sono avvalsi della collaborazione del laboratorio Chimico “BuzziLab di Prato", hanno appurato la non conformità di quanto indicato sulle etichette merceologiche. I capi di abbigliamento, in sostanza, sono risultati composti di filato acrilico e non, come indicato nelle etichette, di “LYCRA”. Inoltre i prodotti erano venduti come "made in Italy", ma di fatto erano importati dalla Cina. Frode in commercio è l’accusa per l’imprenditore di origine cinese denunciato alla Procura della Repubblica e sanzionato per oltre 5.000 euro. 
 

Potrebbe Interessarti

  • Automobilisti bloccati dai ciclisti che urlano: “Non arrabbiatevi, aprite gli occhi”

  • Pioggia e grandine su mezza provincia, serata di allagamenti e disagi

  • Bus prende fuoco al capolinea, paura per i passeggeri

  • Torino Pride 2019, Luxuria: "Non è una carnevalata, chi lo dice offende migliaia di cittadini"

Torna su
TorinoToday è in caricamento