Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cirio nel mirino di PD e 5 Stelle, srotolata la scheda del referendum: è lunga 7 metri

Tensione alle stelle in Consiglio regionale

 

Sarà lunga sette metri e i cittadini piemontesi dovranno portarla dentro la cabina elettorale, ovviamente se il referendum voluto da Matteo Salvini sulla legge elettorale si farà. Una scheda elettorale che Partito Democratico, Liberi Uguali e Movimento 5 Stelle hanno voluto srotolare dentro l'aula del Consiglio regionale per farla vedere ai cittadini piemontesi. 

È stata una settimana di battaglia all'interno del Consiglio regionale del Piemonte, una guerra che molto probabilmente terminerà oggi - giovedì 26 settembre - dopo la decisione del Presidente del Consiglio, Stefano Allasia, di contingentare i tempi. Mossa che permetterà all'aula di arrivare a un voto impedendo alle opposizioni di discutere e votare i centinaia di emendamenti che sono stati presentati. 

L'inizio della seduta è stato denso di tensioni con Francesca Fredia, capogruppo del Movimento 5 Stelle, e Domenico Ravetti, capogruppo del PD, che si sono scagliati contro Cirio e la sua maggioranza. Ravetti in aula ha promesso: "Oltre a calpestare il regolamento avete calpestato il buon rapporto tra i gruppi in questa aula e nelle commissioni. Cinque anni così, questo è il risultato di quello che avete fatto" - cinque anni di ostruzionismo, la Giunta Cirio rischia di non avere una vita facile. 

"Se questo è il rapporto che vogliono con le opposizioni, noi non abbiamo alternative e dobbiamo reagire. Fino a quando dimostreranno di avere altri interessi che non riguardano le famiglie, i giovani, gli anziani e le imprese del Piemonte per noi sarà ostruzionismo"  - ha proseguito Ravetti. 

Non si dica però che quella che è avvenuta in aula in Consiglio regionale è una prova di coalizione: "È la prova che persone di buonsenso possono stare insieme per offrire una prospettiva differente. A oggi le opposizioni sono compatte" - ha concluso Ravetti. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento