Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La piccola Ginevra ha avuto fretta: è nata in auto a pochi metri da casa

"Ma ambulanza arrivata tardi"

 

La piccola Ginevra aveva fretta di venire alla luce e nella notte di oggi, giovedì 31 ottobre 2019, è nata nell'auto della mamma Michela Pinto, operatrice di una ditta di servizio mensa di 30 anni, a pochi metri da casa, in via Castellazzo a Orbassano.

La mamma aveva dato l'allarme poco dopo l'1 e la coppia era diretta all'ospedale Sant'Anna di Torino, dove mamma e bambina è stata trasportata in ambulanza a parto avvenuto, ancora con il cordone ombelicale attaccato. Sono stati i sanitari del Sant'Anna a tagliarlo una volta arrivati.

Con la donna c'era il marito Graziano Sanna, 41enne muratore, che è stato a lungo al telefono con la centrale. "Sono rimasto fuori dall'auto - racconta - e solo dopo mezz'ora mi hanno detto che l'ambulanza stava partendo ed è arrivata soltanto dopo una quarantina di minuti dalla chiamata. Per fortuna alla fine è andato tutto bene. Non vorrei che, anziché a Orbassano, l'ambulanza fosse inizialmente stata mandata da un'altra parte".

A confortare mamma e bimba sono stati anche alcuni ragazzi provenienti da un pub vicino che le hanno portato una bottiglia d'acqua e una residente in un palazzo vicino che ha portato loro una coperta.

"L'ambulanza medicalizzata più vicina - precisano dal 118 -, ossia quella di Orbassano, era impegnata in un altro intervento e abbiamo dovuto rintracciarne e inviarne un'altra. La più vicina dotata di quei requisiti è dovuta partire dal Cto di Torino".

Tutto è bene quel che finisce bene. Ora Ginevra è coccolata dai genitori e dal fratello più grande e forse domani tornerà a casa.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento