Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luciano ha trascorso 4 mesi in carcere per una rapina mai commessa: "Adesso ho perso tutto"

La rapina è stata effettuata a Cerignola, ma lui era a Torino

 

Quatro mesi rinchiuso in carcere per un errore giudiziario. Lunedì scorso, il 23 settembre, l'incubo di Luciano Di Marco e di sua moglie, Anna Bonanno, è terminato, ma adesso i due devono fare i conti con i danni che la malagiustizia ha lasciato nelle loro vite. 

"Io sono arrabbiato con la giustizia italiano e con lo Stato perché quel che è capitato a me può capitare ad altre persone. Nemmeno al mio peggior nemico auguro di passare quel che io ho passato lì dentro" - Luciano Di Marco ha 36 anni, è di Torino e gli ultimi quattro mesi della sua vita li ha passati dietro le sbarre, prima al carcere Lorusso e Cutugno e poi a Foggia. Tutto per colpa di un errore. 

È la mattina dell'8 marzo, a Cerignola due uomini e una donna entrano all'interno della gioielleria "Sciscio" e la rapinano. Il bottino sarà di 72.000 euro. Subito scattano le indagini da parte della polizia. Ad accusarli sono tre donne , la commessa della gioielleria e due esercenti, che dicono di riconoscere Luciano Di Marco e la moglie dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza. 

Il 5 giugno a Torino giungono gli agenti della polizia di Cerignola e l'uomo finisce dritto in carcere, mente la moglie starà per 24 giorni agli arresti domiciliari. Luciano Di Marco però l'8 marzo era a Torino, a oltre 1.000 chilometri di distanza da Cerignola. A dimostrarlo ci sono alcune fotografie, messaggi sul telefono, la testimonianza di amici, di un gommista e anche degli insegnanti dei figli. La moglie, anch'essa accusata della rapina, invece era dal pediatra, sì, perché lei aveva partorito appena un mese prima di quel fatidico 8 marzo. 

Ad assitere l'uomo è l'avvocato Domenico Peila di Torino che riesce a far effettuare da un docente del Politecnico di Foggia una perizia tecnologicamente avanzata con un margine di errore inferiore all'1%. Luciano Di Marco viene portato all'interno della gioielleria e viene fotografato nella stessa posizione che assumono i rapinatori nel video. Le due immagini comparate dimostreranno che l'uomo che ha effettuato la rapina non è lui. 

Così Di Marco viene scarcerato e lunedì scorso torna a Torino, ma adesso non ha più un lavoro e la gente lo guarda con sospetto. Lui vuole giustizia perché i quattro mesi che lo Stato gli ha rubato nessuno glieli potrà restituire. L'avvocato Domenico Peila assicura che una volta che il procedimento a carico dell'uomo e della moglie saranno definitivamente archiviati procederanno a richiedere un risarcimento per ingiusta detenzione. 

"Sono un uomo distrutto". L'incredibile storia di Luciano, sbattuto in cella per 4 mesi da innocente: "E' stato atroce" 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento