Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incatenati ai cancelli di Palazzo Reale, la protesta dei manifestanti contro il cambiamento climatico

"Chiediamo più spazio sui media"

 

Si sono incatenati alla cancellata di Piazzetta Reale per protestare contro giornali e giornalisti che, a loro avviso, non darebbero abbastanza spazio al tema dell'emergenza climatica e che non ne parlerebbero nei termini corretti. Sono gli attivisti di Extinction Rebellion Torino che dalle 15 di questo pomeriggio, venerdì 18 settembre 2020, hanno manifestato pacificamente in Piazza Castello. 

Prima si è tenuto un flash mob, sempre rivolto agli organi di stampa, e poi uomini e donne del collettivo ambientalista si sono arrampicati sulle colonne della cancellata di Piazzetta Reale e si sono incatenati al monumento. 

"Ci siamo incatenati per chiedere ai direttori dei principali quotidiani e della Rai di venire in piazza, di parlare con noi e di prometterci che parleranno della crisi climatica ed ecologica non occasionalmente, non solo quando ci sono le bombe d'acqua, ma spiegando alle persone la relazione tra cause ed effetti. Siamo di fronte a una crisi planetaria che mette a rempeglio la sicurezza di tutti. Noi siamo l'ultima generazione che può fare qualcosa", spiega Annalisa Gratteri, attivista di Extinction Rebellion Torino.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento