Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Astrazeneca non spaventa i piemontesi, boom di adesioni al vaccino per gli over 60: 58.000 richieste in un giorno

Il Piemonte forse torna arancione da lunedì 12 aprile

 

L'incertezza creata dall'ennesimo allarme sul corretto utilizzo del vaccino Astrazeneca non spaventa i piemontesi. Sono infatti oltre 58.000 i cittadini che nel primo giorno valido per la pre-adesione alla campagna vaccinale per la popolazione compresa tra i 60 e i 69 anni hanno fatto richiesta di vaccinarsi. Intanto il Piemonte da lunedì potrebbe tornare arancione. 

Numeri che vengono snocciolati dallo stesso presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, che così, senza mai citarle, risponde alle critiche delle opposizioni che in mattinata avevano denunciato problemi legati alla piattaforma web per la prenotazione del vaccino: "Oggi è un giorno importante perché la piattaforma sta raccogliendo le adesione per la vaccinazione della popolazione che ha tra i 60 e i 69 anni e ci sono state oltre 58.000 adesioni. La piattaforma sta funzionando regolarmente e il fatto che ci siano state così tante pre-adesioni è un dato positivo perché nonostante l'incertezza creata dall'ennesimo allarme sul corretto utilizzo di Astrazeneca non ha fatto venire meno la voglia del vaccino". 

Si tratta di un segnale positivo che arriva all'indomani delle nuove disposizione dell'Agenzia europea per i vaccinali che ha raccomandato il vaccino Astrazeneca per la popolazione over 60 e non più anche per i cittadini sotto quella fascia di età. "È un fatto importante perché il pronunciamento di EMA e la riunione avuta con il Governo certificano da parte dell'istituto superiore di sanità che i vaccini Pfizer, Moderna e Astrazeneca sono sicuri e le cui capacità benefiche sono largamente superiori agli elementi di rischio che ci sono in qualsiasi tipo di medicinale", precisa sempre Cirio.

In Piemonte il vaccino Astrazeneca verrà somministrato dunque alle persone over 60 anni come da indicazione anche di EMA, mentre chi ha ricevuto la prima dose con il vaccino Astrazeneca anche se con un'età inferiore ai 60anni potrà ricevere la seconda dose con lo stesso vaccino. Chi invece è nella fascia di età inferiore ai 60 anni e si è prenotato per il vaccino con Astrazeneca verrà riprogrammato in un secondo momento con un altro vaccino che ovviamente non potrà essere Pfizer o Moderna.  

Intanto secondo la fondazione Gimbe il Piemonte sarebbe la prima regione d'Italia per numero di persone che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino ed entro questa settimana si dovrebbe raggiungere il milione di vaccini: "Abbiamo alzato l'asticella verso i 30.000 vaccini da raggiungere nel mese di aprile e stiamo veleggiando in quella direzione, ma abbiamo bisogno di avere i vaccini. Entro questa settimana avremo un milione di vaccinazioni fatte. Chi prima vaccina, prima riparte. Non riparte prima chi ha i soldi del recovery, ma chi riesce a vaccinare la popolazione". 

Piemonte in zona arancione tra pochi giorni?

C'è fiducia in Piazza Castello per quanto riguarda la possibilità per il Piemonte di tornare in zona arancione già dalla prossima settimana. "I dati del pre-report settimanale, che verrà validato domani dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità, confermano un progressivo miglioramento della situazione epidemiologica in Piemonte", spiega il presidente Cirio, "Il valore Rt è infatti sceso ulteriormente sotto l’1, attestandosi a 0.9 per l’Rt puntuale e a 0.88 per l’Rt medio. Si riduce il numero di nuovi casi segnalati e anche il numero di focolai attivi o nuovi. La pressione ospedaliera resta alta, ma in fase di stabilizzazione (59% l’occupazione dei posti di terapia intensiva e 67% l’occupazione dei posti letto ordinari). A conferma del quadro in sensibile miglioramento, anche i dati trasmessi oggi a Roma dalla Regione Piemonte vedono l’incidenza scendere sotto il valore soglia di allerta di 250 casi ogni 100.000 abitanti. Naturalmente il report deve essere validato entro domani dalla Cabina di regia nazionale, ma in base a questi parametri siamo fiduciosi che il Piemonte possa ritornare arancione già dalla prossima settimana".

Continua a leggere su TorinoToday

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento