rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022

Movida incontrollata, Cirio prepara un'ordinanza: misure e controlli contro il rischio assembramenti

La decisione dopo la riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica

Nelle prossime ore Alberto Cirio, il presidente della Regione Piemonte, emanerà un'ordinanza regionale con la quale regolerà ulteriormente le riaperture di bar e ristoranti. Un occhio particolare alle zone della movida. La decisione dopo la riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuta questa mattina in Prefettura. 

"Abbiamo necessità di riaprire tutto, ma di farlo per sempre e questo dipende dal comportamento di ciascuno di noi. Nelle prossime ore emetterò un'ordinanza per riuscire ad affrontare con maggior sicurezza il prossimo fine settimana", spiega il governatore, "Abbiamo qualche timore. Questa mattina abbiamo avuto un comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica con il Prefetto e le forze dell'ordine perché dobbiamo prevenire, anche forti dell'esperienza degli altri Comuni".

Poi il Cirio ha spiegato: "Ben venga che io ho fatto ritardare l'apertura dei bar e dei ristoranti di cinque giorni perché ci ha dato la possibilità di capire che il rischio assembramenti è dietro l'angolo. Dobbiamo prevenirlo con misure e controlli, ma soprattutto chiedendo ai cittadini un grande senso di responsabilità che vuol dire distanziarci, avere la mascherina e lavarci le mani". 

Ci sarà un occhio di riguardo alle zone della movida? "Ci sarà un occhio di riguardo per tutti, in particolare per le zone della movida perché questo non è tempo di movida. C'è la possibilità di prendere un aperitivo in libertà, ma non è la movida. Se vogliamo tornare alla movida dobbiamo impostare un percorso graduale. Se ami la movida oggi non la fai", ha concluso il presidente Cirio. 

Video popolari

Movida incontrollata, Cirio prepara un'ordinanza: misure e controlli contro il rischio assembramenti

TorinoToday è in caricamento