Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La provocazione tra gli addobbi dell'albero in stazione: compaiono le foto dei bimbi di Bibbiano

Promotore dell'iniziativa il consigliere regionale Maurizio Marrone di Fratelli d'Italia

 

Accanto alle letterine con le richieste per Babbo Natale sull'albero di natale della stazione di Torino Porta Nuova sono comparse le fotografie di bambini che, in Piemonte, sarebbero stati allontanati dalle loro famiglie. Accanto un cartello giallo con una scritta in rosso: "#Bibbiano #Piemonte - Angeli e Demoni in tutta Italia". 

Autore dell'iniziativa è Maurizio Marrone, capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale. Un gesto forte che viene motivato con la necessità di "smuovere le coscienze, ricordando alla folla dei passanti quanti bambini hanno trascorso le feste natalizie lontano dalle famiglie, senza che sia avvenuto nessun abuso o maltrattamento", si legge nel comunicato.

“Il sistema Bibbiano è in tutta Italia, le radici più profonde si trovano in Piemonte”, commenta Maurizio Marrone, “Le segnalazioni arrivateci completano una galleria degli orrori, con storie tremende: neonati allontanati per abusi mai provati, minori non restituiti nemmeno dopo l’archiviazione delle accuse per abusi mai avvenuti, bambini riempiti di psicofarmaci nelle comunità terapeutiche, stupri di gruppo e stanze buie punitive nelle comunità residenziali, violenze in luoghi neutri, madri cacciate dalle case-famiglia per aver pubblicato post su Bibbiano nei social, ragazzini dati in affido a coppie omosessuali".

Marrone poi conclude dicendo: "Tutto questo accade nella regione record per allontanamenti di minori, con la percentuale al 4 per mille rispetto alla media nazionale del 2,7 per mille"

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento