Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

No Tav, manifestanti tentano un nuovo assalto al cantiere di Chiomonte: due in meno di 24 ore

Allontanati dalla polizia con i lacrimogeni

 

Secondo assalto al cantiere a meno di 24 ore dal precedente di ieri sera. Oggi, intorno alle 16, circa 300 manifestanti hanno dato l'assalto al cantiere, ma sono stati respinti dal dispositivo di sicurezza preparato dalla Questura.

La polizia è stata bersagliata da pietre e razzi, ma gli aggressori sono stati respinti dal lancio di lacrimogeni. Nonostante numerosi tentativi di scardinare i cancelli posti a posizione del cantiere le posizioni difensive hanno retto, evitando il corpo a corpo tra aggressori e forze dell'ordine.

Riferiscono le forze dell'ordine che gli attacchi si sono concentrati, durante il pomeriggio, in tre punti: Sentiero Giaglione; area sottostante viadotto autostradale; la zona cosiddetta antenne. Il punto maggiormente colpito è quello lungo il sentiero di Giaglione dove hanno cercato, invano, di oltrepassare il cancello. 

Complessivamente sono state lanciate circa un centinai di bombe carta (molte altre trovate inesplose) oltre a sassi e artifizi pirotecnici. 
Gli agenti hanno sparato diversi lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Un agente è rimasto ferito in maniera non grave. La Digos stra procedendo a identificare diversi manifestanti la cui posizione verrà portata al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Le immagini del video si riferiscono all'episodio di ieri sera.

Il precedente tentativo di assalto  

Venerdì sera, 17 luglio, intorno alle 23.30, circa 150 aderenti al movimento No Tav e al centro sociale Askatasuna si sono presentati al cancello di Giaglione per accedere al cantiere di Chiomonte. Alcuni, travisati, hanno cercato di danneggiare il cancello mentre altri hanno lanciato pietre e altri oggetti in direzione delle forze dell’ordine che hanno risposto con i lacrimogeni. Nessun ferito.

La Questura di Torino ha identificato e denunciato 22 persone per quanto accaduto durante l’azione di protesta. Alcuni manifestanti risultano inottemperanti al Foglio di via Obbligatorio dai comuni di Giaglione e Chiomonte. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento