Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Juventus-Atletico Madrid 1-0: decisivo Dybala con una punizione-capolavoro

In tribuna anche la popstar Rihanna

 

Juventus-Atletico Madrid è terminata con il risultato di 1-0: decisivo il gol di Dybala al 47' del primo tempo.

Dopo aver ottenuto la qualificazione agli ottavi di Champions con la vittoria sulla Lokomotiv Mosca, i bianconeri ottengono con questa vittoria il primo posto matematico del Gruppo D.

Nel primo tempo la Juve gioca bene, con uno stile più "sarriano" del solito, ma fatica a trovare gli spazi giusti di fronte a un Atletico Madrid che difende praticamente a pieno organico. Ad attirare l'attenzione è invece la popstar Rihanna, presente allo Stadium come ospite della Juve: una partnership che, come la recente collaborazione tra Adidas e Palace, conferma la vocazione commerciale del club di Andrea Agnelli. Ecco il post del profilo Instagram della Juventus con Rihanna

Quando il primo tempo volge al termine, è Dybala ad illuminare la partita con un capolavoro su punizione da posizione defilatissima: la Joya punta la porta e scaglia un missile che sbatte contro la parte della traversa ed entra in porta per il gol dell'1-0.

Nel secondo tempo la partita non cambia volto, perché la Juve continua a fare gioco con triangolazioni veloci e l'Atletico continua a difendere sperando nel contropiede. E all'83' quasi riesce il pareggio ai colchoneros, ma de Ligt è semplicemente perfetto nella chiusura su Correa pronto a battere da pochi metri.

Al 94' è invece l'ex Morata a graziare la Juve mancando il contatto col pallone a porta vuota su assist di Correa. Ed è l'ultimo brivido prima del fischio finale che decreta il primato nel girone della squadra di Sarri. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento