Cagliari-Juventus 1-3: tripletta di Ronaldo, gol di Simeone

La sintesi del match

 

La partita Cagliari-Juventus, valida per la 27esima giornata di Serie A 2020-21, è terminata con il risultato di 1-3: nel primo tempo Cristiano Ronaldo segna una tripletta con gol al 10', raddoppio su rigore al 25' e 0-3 al 32'; nel secondo tempo accorcia Simeone al 61'.

La Juve mantiene così i 10 piunti di distanza (in attesa del recupero col Napoli del 7 aprile) dall'Inter che nel pomeriggio ha battuto di misura il Toro

Highlights primo tempo

La Juve scende in campo con grande determinazione, nonostante la stanchezza per i supplementari e il morale basso per l'eliminazione contro il Porto in Champions League. Al 10' i bianconeri sono già in vantaggio: calcio d'angolo di Cuadrado da destra, Ronaldo stacca indisturbato grazie alla disattenzione di rugani e di testa buca Cragno.

Il portoghese ha poi due scontri ravvicinati col portiere cagliaritano: al 15' lo colpisce al volto nel tentativo di anticiparlo su traversone di Chiesa, mentre al 24' lo anticipa davvero e Cragno lo stende. Calvarese assegna il rigore e CR7 fa doppietta.

Non ancora soddisfatto, e determinato a riscattare la scialba prestazione di martedì sera, al 32' Cristiano fa tripletta (la seconda al Cagliari) sfruttando alla perfezione l'assist di Chiesa.

Cronaca secondo tempo

La partita si riapre nella ripresa, grazie al vistoso calo della Juve e all'abnegazione del Cagliari. Szczesny salva la porta in un paio di occasioni, ma al 61' Bernardeschi lascia andare Zappa che mette dietro per Simeone il quale non sbaglia e segna l'1-3.

La squadra di Pirlo prova a ricompattarsi, mentre il Cagliari non si arrende e si butta in avanti. Col passare dei minuti la Juve fa sempre più fatica mentre i rossoblù occupano la metà campo avversaria. I bianconeri non ne hanno praticamente più sul piano fisico e la squadra di Semplici cerca di approfittarne. Ma alla fine la Juve regge e porta a casa i tre punti che servivano per rimanere, almeno virtualmente, in lotta per lo scudetto. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento