Lunedì, 25 Ottobre 2021
Sport

Trent'anni dalla tragedia dell'Heysel: una delle pagine più nere del calcio

Questa sera i giocatore della Juventus e la dirigenza ricorderanno le vittime partecipando alla messa all'interno della Gran Madre. Trent'anni fa perdevano la vita 39 persone, tra cui 32 italiani, 4 belgi, 2 francesi e un irlandese

La tragedia dell'Heysel è ancora negli occhi di tutti come se fosse avvenuta ieri, ma sono passati trent'anni da quella serata nefasta che di sport aveva ben poco e che costò la vita a 39 persone, tra cui 32 italiani, 4 belgi, 2 francesi e un irlandese. Vittime di una finale di Coppa Campioni che si giocò in un clima surreale, figlia di una disorganizzazione che ha tanti responsabili. La follia degli hooligans inglesi all'interno dello stadio di Bruxelles ha scritto una delle pagine più nere del calcio mondiale, ma nonostante tutto si giocò "per questioni di ordine pubblico" e ancora oggi si discute di quei novanta minuti che videro la Juventus battere il Liverpool per uno a zero.

Il 29 maggio del 1985 mentre in campo si giocava, la Polizia teneva a bada gli spettatori all'esterno del rettangolo verde, schiacciati contro le recinzioni in uno stadio stracolmo all'inverosimile. Ma il peggio era avvenuto un'ora prima del fischio d'inizio. Oltre ai 39 morti, si contarono più di 600 feriti. Un vero dramma.

Il ricordo delle vittime di quella notte è stato fatto dallo Juventus Stadium nell'ultima partita casalinga giocata contro il Napoli: tutto lo stadio ha sollevato cartelloni con i nomi delle vittime e un grosso striscione con il numero "39". Oggi ci sarà il secondo atto del ricordo, in tre città diverse. Si inizia a Bruxelles, dove in cui avvenne la tragedia: alle 10 ci sarà una commemorazione all'esterno dello stadio a cui presienzeranno per i bianconeri Paolo Garimberti (presidente J-Museum) e l'ex difensore Sergio Brio. A seguire due celebrazioni saranno fatte a Liverpool e a Torino: in Inghilterra sono volati Gianluca Pessotto e Massimo Bonini, qui in città invece, alle 19.30 alla Gran Madre, si ricorderanno le vittime in presenza di tutta la squadra della Juventus e dei dirigenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trent'anni dalla tragedia dell'Heysel: una delle pagine più nere del calcio

TorinoToday è in caricamento