Visitare lo stadio della Juve? Da oggi si può, grazie allo Stadium Tour

Da oggi è possibile scoprire tutti i segreti del nuovo impianto. Proprio come nei maggiori stadi europei, i tifosi potranno, con massimo 10 euro, fare 70 minuti di tour tra spogliatoi e il campo di gioco

Lo Juventus Stadium come il Camp Nou. Da oggi i tifosi bianconeri potranno scoprire gli angoli più nascosti del nuovo impianto, inaugurato l'8 settembre scorso, grazie allo Stadium Tour, un viaggio di 70 minuti nelle zone più inaccessibili al pubblico. Ora tutto questo sarà possibile, proprio come avviene in Inghilterra, in Spagna, in Germania. Tutti potranno raggiungere gli spogliatoi dove i giocatori si preparano per le partite, il tunnel di ingresso in campo, toccare l'erba del campo di gioco. Ma anche visitare le aree dedicate alla stampa e alle interviste, le aree 'hospitality' più esclusive come il Club Gianni e Umberto Agnelli. Ci sono poi tante chicche da scoprire. Come la frase di Giovanni Trapattoni scritta sul muro della zona che porta allo spogliatoio degli ospiti: "La Juventus è come un drago a sette teste, gliene tagli una ma ne spunta sempre un'altra. Non molla mai e la sua forza è nell'ambiente". O come i trofei che fanno bella mostra di sé sulle stesse pareti: ci sono le sagome delle coppe vinte in Italia e all'estero, ma soprattutto dei 29 scudetti. Prezzo del tour? 10 euro per gli adulti, 8 per i più giovani e gli over 65, gli Juventus member e i Club Doc. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento