Sport

Juventus, contro la Fiorentina torna Tevez per la qualificazione

Barzagli ko per dolore al polpaccio,niente ritorno Europa League

La Juventus dei miracoli per continuare la sua marcia nonostante infortuni e stanchezza si affida ai suoi campioni. A Genova, sono stati Buffon e Pirlo. A Firenze, dove sarà certamente assente Andrea Barzagli per un risentimento muscolare, rientra Carlitos Tevez. Il calendario non conosce tregua, per la Juventus tra campionato e Coppa le partite si susseguono ogni tre-quattro giorni, e il tour de force si protrarrà fino a Napoli-Juve di fine marzo. Tra i bianconeri sono in molti ad avere il fiato corto, e i problemi fisici continuano. 

Dopo i lievi infortuni occorsi a Tevez, Marchisio e Giovinco, bloccati negli ultimi giorni da acciacchi di vario genere, si sono fermati oggi Peluso (lesione di primo grado a una coscia) e Barzagli. Per quest'ultimo si tratta del riacutizzarsi della solita infiammazione al polpaccio sinistro, contrattempo che gli farà sicuramente saltare la partita di giovedì prossimo a Firenze. Domani la Juventus sottoporrà il giocatore a visite più approfondite per valutare la gravità del problema. Per recuperare potrebbe aver bisogno di un paio di settimane. Antonio Conte dovrà giocoforza limitare le rotazioni programmate, per centellinare le energie del gruppo. 

A Genova avrebbe dovuto rifiatare Chiellini, ma è stato prontamente richiamato in seguito all'infortunio di Barzagli. Anche a centrocampo, giovedì a Firenze, giocheranno i soliti tre: Pirlo, Vidal e Pogba. Il giovane francese è apparso in forma fisica accettabile, il cileno al contrario a Genova sembra essere in riserva rispetto ai suoi standard abituali. Anche Pirlo dal punto di vista fisico non è al massimo. Ma Conte, come a Genova, anche a Firenze intende affidare a lui gli equilibri del centrocampo, tanto più dopo il gol-capolavoro che ha forse deciso lo scudetto 2014. 

Quando una squadra è in affanno, è il colpo del campione che può fare la differenza, come successo a Genova, e Conte a Firenze intende proprio partire dai suoi campione, l'asse Buffo, Pirlo, Tevez. "Quella di Genova è una vittoria che non vale oro ma platino" ha scritto Claudio Marchisio sui social network. "È la più importante del campionato finora. Adesso ci aspettano dieci finali dal giocare - gli ha fatto eco Bonucci -. A Firenze giovedì sarà una Fiorentina-Juve dalle mille emozioni. Loro giocano in casa. Sarà una battaglia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, contro la Fiorentina torna Tevez per la qualificazione

TorinoToday è in caricamento