menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ronaldo con la sorella Katia e la mamma Dolores. Dal profilo Instagram di Katia Aveiro

Ronaldo con la sorella Katia e la mamma Dolores. Dal profilo Instagram di Katia Aveiro

La sorella di Ronaldo: "Il coronavirus è una truffa". Ma poi ritratta

Bufera social per Katia Aveiro

"Da oggi migliaia di persone smetteranno di dare tanto peso a questa pandemia, ai test, alle misure prese... La più grande frode mai vista da quando sono nata": è bufera per le parole di Katia Aveiro Dos Santos, sorella di Cristiano Ronaldo, che su Instagram ha definito il coronavirus un imbroglio, una truffa. Ma dopo le polemiche la sorella di CR7 rivede la sua posizione: "Credo che esista il virus, ma ce ne sono tanti altri che meriterebbero più rispetto".

Dopo la positività del fratello al tampone, riscontrata martedì, Katia Aveiro ha voluto dire la sua con una "story" su Instagram: "Se deve essere Cristiano Ronaldo a svegliare il mondo, devo dire che questo portoghese è davvero un predestinato, un inviato di Dio: grazie!" ha scritto Katia. 

Naturalmente le sue parole hanno scatenato un'ondata di proteste, polemiche e anche ironie sui social E così, nel giro di poche ore, la sorella del fuoriclasse della Juventus ha parzialmente rivisto la sua posizione. Sempre a mezzo Instagram.

Prima ha condiviso le stories di uno dei tanti profili di fan del fratello, in cui veniva riportato questo suo commento: "non è una cavolata... esiste sì, ma esistono anche tanti mali che dobbiamo rispettare allo stesso modo, io rispetto molto il virus e mai direi il contrario, nessuno è libero da questo male né dagli altri ma non sono d'accordo nel fermare il mondo. C'è gente che ha perso il lavoro, gente con problemi psicologici, gente disperata al punto da volersi uccidere... e anche questo va rispettato. Ognuno ha i suoi dolori... desidero che tutto torni alla normalità... e che Dio ci protegga dalla malvagità umana". 

Successivamente se l'è presa con chi - soprattutto tra i mass media portghesi - ha distorto le sue parole. "Se dire la propria opinione significa non credere nell'esistenza del virus, cosa posso fare? Ognuno pensa quello che vuole? E io resto con la mia opinione e ne ho diritto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento