Sport

Roma-Torino 3-2: pazzo Toro, nel finale si arrende a Totti

Due volte in vantaggio, nei minuti finali il Toro si fa raggiungere e superare da una doppietta in 3' del Pupone, che all'89' trasforma un rigore che non c'era. Tra fine primo tempo e inizio secondo due episodi molto più dubbi in area granata

Il Torino perde nei minuti finali la trasferta contro la Roma della quintultima giornata. Una partita pazza e spettacolare, in cui i granata sono andati due volte in vantaggio, ma sono stati raggiunti e all'89' superati grazie a una prova pazzesca di Totti, che entra all'86' e segna due gol interrompendo la striscia vincente dei granata, che forse meritavano un paio di rigori contro ma non quello che ha deciso il match.

L'inizio del primo tempo parla di un Toro ben disposto in campo, che chiude bene gli spazi; forse un po' rinunciatario in attacco, ma solido in difesa a parte qualche concessione sui tiri da fuori su cui Padelli è attento, come all'8' su Maicon. In più gli attaccanti giallorossi sono imprecisi, e sprecano diverse occasioni con tiri fuori dallo specchio.

Al 20' Baselli serve bene Belotti, ma il Gallo da posizione favorevole liscia clamorosamente: si rifarà. Ma prima c'è tempo per Martinez di fallire una facile occasione costruita benissimo e finalizzata debolmente, e proprio per il Gallo di colpire un palo.

È al 34' che arriva la svolta: Belotti si procura un rigore per una trattenuta di Manolas su azione d'angolo, e ancora una volta è freddissimo nel trasformare il tiro dagli undici metri, l'undicesimo per il Toro quest'anno, come il Leicester e meno solo del Barcellona tra i cinque campionati maggiori.

La Roma prova a reagire, con Nainggolan che impegna Padelli al 40', ma è al 43' il rischio maggiore per i granata, quando Gaston Silva devia un tiro con un gomito suscitando le vibranti proteste della Roma, con Spalletti incredulo, ma Gervasoni decide di lasciare andare.

Episodio che si ripete quasi identico al 58', quando è Gazzi a toccare con una mano in area su tiro di Nainggolan, ma anche in questo caso Gervasoni non fischia, al contrario dei tifosi giallorossi all'Olimpico. Al 65', però, arrivano gli applausi, quando Manolas si riscatta e su coner svetta altissimo e manda di testa in rete. Il Toro incassa il colpo ma non crolla, e al 68' ci riprova con Baselli, il cui tiro è deviato da Szczesny. 

Le due squadre sembrano equivalersi, in realtà il risultato è tutt'altro che definitivo. All'80' Martinez esplode di gioia dopo la deviazione vincente su cross teso di Bruno Peres che lo trova inspiegabilmente libero. All'86' Spalletti sembra dare solo un amaro contentino per Francesco Totti, che invece in 3' ribalta tutto: dopo pochi secondi trova la zampata giusta su punizione deviata di Pjanic, all'89' trasforma l'unico rigore che sicuramente non c'era per la roma, provocato da una deviazione col fianco di Maksimovic. Tant'è, dopo tre vittorie di fila si arresta la corsa del Toro, che conferma comunque un buon stato di forma psico fisica.

Roma (4-3-3): Szczesny; Maicon, Manolas, Rudiger, Emerson (14'st Dzeko); Florenzi, Keita (41'st Totti), Nainggolan; Salah, Perotti, El Shaarawy (35'st Pjanic). All. Spalletti

Torino (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Bruno Peres, Baselli (27' Vives), Gazzi (50'st Edera), Obi, Silva (18'st Molinaro); Martinez, Belotti. All. Ventura.

RETI: 35' Belotti (rig.), 20'st Manolas, 35'st Martinez, 41'st Totti, 44'st Totti (rig.)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma-Torino 3-2: pazzo Toro, nel finale si arrende a Totti

TorinoToday è in caricamento