menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Palermo-Toro: i granata sbancano il Barbera e allontanano la crisi

È Ciro Immobile l'uomo decisivo nel ritorno alla vittoria del Toro, che fuori casa non vinceva dalla 13ª giornata e in rimonta addirittura dalla prima. Dopo il vantaggio rosanero di Gilardino, i granata non perdono la testa e progressivamente prendono il pieno sopravvento con un 1-3 che è quasi stretto

Il Toro batte fuori casa e in rimonta 1-3 il Palermo nella 25esima giornata di Serie A. L'ultimo successo era stato un mese fa, 4-2 al Frosinone, per l'ultima vittoria in trasferta bisogna risalire allo 0-1 di Bergamo alla 13esima, mentre l'unica altra volta che la squadra di Ventura aveva vinto lontano dall'Olimpico dopo essere passata in svantaggio era stata nell'esordio in campionato a Frosinone. 

Numeri che danno la cifra di quanto importante siano i 3 punti portati via dal Renzo Barbera di Palermo, in una gara che era partita sotto i peggiori auspici, con il gol a freddo di Gilardino bravo ad anticipare Maksimovic sull'assist da destra di Morganella ben imbeccato da Vazquez. Poi al 13' l'infortunio di Goldaniga, che lascia spazio ad Andelkovic, pochi minuti prima del pareggio del Torino. Immobile porta a spasso Morganella, in area viene atterrato da Brugman e si procura un rigore che lui stesso trasforma con un tiro all'angolino su cui Sorrentino non può nulla.

Immobile si trasforma poi in assist man per Belotti, ma il Gallo non è in giornata e spreca almeno due palle gol. La rimonta si concretizza quindi in maniera imprevista al 31', quando Bruno Peres mette in mezzo un cross che Gonzalez manda in fondo alla propria rete nel tentativo di anticipare Immobile. Prima della fine del primo tempo i siciliani del duo Bosi-Tedesco subiscono un nuovo infortunio: in uno scontro fortuito con Andelkovic, Sorrentino rimedia una botta che lo costringe a lasciare il campo a Fabrizio Alastra, classe '97, che gol finale a parte non ha affatto demeritato. 

Nel secondo tempo il Toro legittima il vantaggio con una supremazia territoriale che lascia poco spazio agli attacchi palermitani, su cui Padelli appare comunque molto attento. Ciro Immobile continua a distribuire assist e pericoli, finché al 69' decide di mettersi in proprio: solita accelerazione sulla sinistra, con una finta si porta la palla sul mancino e da posizione piuttosto defilata trafigge Alastra e mette al sicuro il risultato. Solo nelle prossime partite capiremo se la crisi granata è alle spalle, nel frattempo Ventura può partire dalla certezza di un Ciro Immobile che in questo momento meriterebbe la convocazione per gli Europei. 

Palermo (4-3-3): Sorrentino (37'  Alastra); Morganella, Goldaniga (13' Andelkovic), Gonzalez, Rispoli; Hiljemark (20'st Trajkovski), Brugman, Chochev; Vazquez; Gilardino, Quaison. All. Bosi-Tedesco.

Torino (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Zappacosta (24'st Gaston Silva), Benassi, Vives, Baselli, Bruno Peres (13'st Molinaro); Belotti, Immobile (37'st Martinez). All. Ventura.

RETI: 2' Gilardino, 19' Immobile, 31' aut. Gonzalez, 24'st Immobile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento