Domenica, 1 Agosto 2021
Sport

Juventus Woman, è nata la bimba di Lina Hurtig e della moglie: ma sui social è pioggia di insulti

I commenti offensivi sui social bianconeri sono stati prontamente rimossi

Lina Hurtig e la nuova arrivata (foto@Instagram)

Lieto evento nella famiglia di Lina Hurtig, 25enne svedese della Juventus Woman e della connazionale e moglie Lisa Lantz: la loro bambina è venuta alla luce. Come annunciato mesi fa nel corso di un'intervista rilasciata al canale ufficiale della Juve, le due ragazze svedesi erano in attesa della loro piccola: una notizia che purtroppo sul web aveva suscitato, non solo complimenti e congratulazioni, ma anche una serie di commenti volgari ed offensivi. Cosa che oltretutto si è ripetuta quando Lina e Lisa hanno dato l'annuncio ufficiale sui social network della nascita della loro figlioletta. "Benvenuta nella nostra famiglia, piccolina", hanno scritto con tanto di foto in bianco e nero mentre la Hurtig tiene la bambina abbracciata sul petto.

Un post che sul profilo social della nazionale svedese è stato accompagnato da un coro di gioia da parte delle compagne di squadra, ma che non ha raccolto le stesse reazioni sul profilo Twitter della Juventus, dove la società ha condiviso la notizia. Non sono mancati di nuovo infatti gli insulti di 'stampo medievale', da parte di numerosi utenti, per la coppia di calciatrici che hanno militato insieme nella squadra di serie A svedese del Lingopigs e che si sono sposate nel 2014 con una cerimonia riservata. Lo staff della Juventus però ha provveduto a rimuovere immediatamente i più vergognosi e offensivi.  

Il bacio delle due biondissime calciatrici in diretta ai Mondiali in Francia nel 2019 per festeggiare la vittoria della Svezia contro la Thaliandia fece il giro del mondo, contribuendo a infrangere un tabù, quello dell’omosessualità nel mondo dello sport. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus Woman, è nata la bimba di Lina Hurtig e della moglie: ma sui social è pioggia di insulti

TorinoToday è in caricamento