menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Ansa

foto Ansa

Addio a Gigi Simoni, il doppio ex di Toro e Juve

Nel '98 contro i bianconeri l'episodio che ha segnato la sua carriera da allenatore

È morto oggi a Lucca l'ex calciatore e allenatore Gigi Simoni, in passato giocatore sia del Toro sia della Juve e per breve tempo anche tecnico dei granata. Simoni aveva 81 anni, e nel giugno 2019 era stato colpito da un ictus da cui non si era più ripreso, rimanendo in clinica fino a marzo, quando era tornato a casa come misura di precauzione per evitare il contagio da covid-19. Le sue condizioni si erano aggravate ieri sera, quando è stato portato all'ospedale lucchese, dove è arrivato ormai in fin di vita.

Gigi Simoni ha giocato a Torino dal 1964 al 1968: per tre stagioni ha vestito la maglia del Toro, dove insieme a Gigi Meroni formava la coppia di ali titolari: in granata 81 presenze e 18 gol. Nell'estate del 1967 passò alla Juve, che aveva inutilmente cercato di convincere Meroni. Ma in bianconero Simoni ebbe scarsa fortuna, collezionando solo 11 presenze e zero gol.

Ancora poca fortuna a Torino nella successiva carriera da allenatore. Il 26 aprile 1998 la famosa Juve-Inter dello scontro Iuliano-Ronaldo, con il rigore non assegnato ai nerazzurri allenati da Simoni e la Juve che mantiene l'1-0 alla fine decisivo per lo scudetto ai bianconeri. Pochi mesi dopo Simoni, che aveva comunque vinto una Coppa Uefa con l'Inter, fu esonerato e iniziò una fase calante della sua carriera: nel 99 passò al Piacenza, da cui fu esonerato dopo 16 partite. Nel giugno 2000 diventa quindi allenatore del Toro, ma anche qui viene esonerato dopo solo 8 partite in Serie B e sostituito da Camolese. La sua carriera da allenatore era terminata nel 2014 alla Cremonese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento