Sport

Morto Angelo Caroli, l'ex calciatore della Juve che divenne giornalista e poeta

Domani i funerali

Angelo Caroli con Michel Platini

È morto a Torino, all'età di 83 anni, Angelo Caroli, ex calciatore della Juventus che dopo la fine della sua carriera sul campo divenne un apprezzato giornalista sportivo, e anche un poeta negli ultimi anni della sua vita. Da un paio d'anni Caroli soffriva di una malattia neurologica degenerativa.

Angelo Caroli era nato a L'Aquila nel 1937. Da ragazzino era anche stato campione nazionale di terza categoria nel salto in alto, oltre che un calciatore nella sua città natia. Prima come stopper - come si diceva all'epoca - e poi casualmente come attaccante, per sostituire il centravanti titolare infortunato. 

Nel nuovo ruolo fu notato dalla Juve, e il destino lo aiutò perché tutta la famiglia si trasferì a Torino per il lavoro del padre. Si iscrisse al liceo D'Azeglio - quello dove la Juve è stata fondata - e venne ingaggiato dal club bianconero. 

Era la stagione 1955-56, la squadra era in una fase di transizione, con tanti giovani come lui allenati da Sandro Puppo (i "puppanti" venivano chiamati). All'esordio a Bologna, Caroli segnò il gol che valse alla sua squadra una vittoria in trasferta che mancava da quasi due anni. E il giorno dopo, a scuola, Caroli si presentò regolarmente per il compito in classe di greco. 

Juventus_FC_-_Anni_1950_-_Angelo_Caroli_e_Giampiero_Boniperti-2

Quello rimase il suo unico gol in bianconero. Dopo due stagioni con alti e bassi venne mandato a farsi le ossa prima al Catania e alla Lucchese in B (dove un osso della gamba se lo ruppe, perdendo gran parte della stagione) e poi al Pordenone in Serie C. 

Ritornò nel 1960 alla Juve, nel suo nuovo ruolo di terzino destro, e si tolse anche la soddisfazione di contribuire allo scudetto con un assist a Sivori nel derby col Toro. Collezionò poche presenze, fu ceduto di nuovo in B al Lecco, ma a 27 anni si ritirò dal calcio giocato.

Lasciò la facoltà di Giurisprudenza per iscriversi all'Isef, dove si laureò, e per poco fu pure insegnante di educazione fisica. Poi la sua seconda carrierà, quella del giornalista sportivo. Iniziò a Tuttosport, quindi Stampa Sera e Stampa. Caroli conosceva bene il calcio e lo sapeva raccontare divinamente.

Seguì la Juve e la Nazionale in molte trasferte internazionali, perdendo per motivi di salute proprio il mondiale vinto nell'82 ma non la tragica coppa Campioni dell'Heysel e la Coppa Intercontinentale di Tokyo. 

Dopo il ritiro anche dalla sua seconda carriera, non smise di scrivere, pubblicando poesie, racconti e libri, anche sulla sua amata Juventus, oltre a diventare vice presidente del Circolo della Stampa Sporting. Poi negli ultimi anni la malattia che lo ha inesorabilmente condotto alla morte, nella città che lo ha adottato. 

I funerali di Angelo Caroli si terranno domani, giovedì 19 novembre, alle ore 11 nella chiesa del Pilonetto, in piazza Zara. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto Angelo Caroli, l'ex calciatore della Juve che divenne giornalista e poeta

TorinoToday è in caricamento