Morto Angelo Caroli, l'ex calciatore della Juve che divenne giornalista e poeta

Domani i funerali

Angelo Caroli con Michel Platini

È morto a Torino, all'età di 83 anni, Angelo Caroli, ex calciatore della Juventus che dopo la fine della sua carriera sul campo divenne un apprezzato giornalista sportivo, e anche un poeta negli ultimi anni della sua vita. Da un paio d'anni Caroli soffriva di una malattia neurologica degenerativa.

Angelo Caroli era nato a L'Aquila nel 1937. Da ragazzino era anche stato campione nazionale di terza categoria nel salto in alto, oltre che un calciatore nella sua città natia. Prima come stopper - come si diceva all'epoca - e poi casualmente come attaccante, per sostituire il centravanti titolare infortunato. 

Nel nuovo ruolo fu notato dalla Juve, e il destino lo aiutò perché tutta la famiglia si trasferì a Torino per il lavoro del padre. Si iscrisse al liceo D'Azeglio - quello dove la Juve è stata fondata - e venne ingaggiato dal club bianconero. 

Era la stagione 1955-56, la squadra era in una fase di transizione, con tanti giovani come lui allenati da Sandro Puppo (i "puppanti" venivano chiamati). All'esordio a Bologna, Caroli segnò il gol che valse alla sua squadra una vittoria in trasferta che mancava da quasi due anni. E il giorno dopo, a scuola, Caroli si presentò regolarmente per il compito in classe di greco. 

Juventus_FC_-_Anni_1950_-_Angelo_Caroli_e_Giampiero_Boniperti-2

Quello rimase il suo unico gol in bianconero. Dopo due stagioni con alti e bassi venne mandato a farsi le ossa prima al Catania e alla Lucchese in B (dove un osso della gamba se lo ruppe, perdendo gran parte della stagione) e poi al Pordenone in Serie C. 

Ritornò nel 1960 alla Juve, nel suo nuovo ruolo di terzino destro, e si tolse anche la soddisfazione di contribuire allo scudetto con un assist a Sivori nel derby col Toro. Collezionò poche presenze, fu ceduto di nuovo in B al Lecco, ma a 27 anni si ritirò dal calcio giocato.

Lasciò la facoltà di Giurisprudenza per iscriversi all'Isef, dove si laureò, e per poco fu pure insegnante di educazione fisica. Poi la sua seconda carrierà, quella del giornalista sportivo. Iniziò a Tuttosport, quindi Stampa Sera e Stampa. Caroli conosceva bene il calcio e lo sapeva raccontare divinamente.

Seguì la Juve e la Nazionale in molte trasferte internazionali, perdendo per motivi di salute proprio il mondiale vinto nell'82 ma non la tragica coppa Campioni dell'Heysel e la Coppa Intercontinentale di Tokyo. 

Dopo il ritiro anche dalla sua seconda carriera, non smise di scrivere, pubblicando poesie, racconti e libri, anche sulla sua amata Juventus, oltre a diventare vice presidente del Circolo della Stampa Sporting. Poi negli ultimi anni la malattia che lo ha inesorabilmente condotto alla morte, nella città che lo ha adottato. 

I funerali di Angelo Caroli si terranno domani, giovedì 19 novembre, alle ore 11 nella chiesa del Pilonetto, in piazza Zara. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

Torna su
TorinoToday è in caricamento