Mercoledì, 22 Settembre 2021
Sport

Marotta blocca Conte e denuncia clima ostile contro la Juventus

Marotta: "Conte? La sua è stata una esternazione molto istintiva per quanto accaduto durante la partita. Conte è sicuramente un ottimo allenatore e mi auguro possa rimanere a lungo alla Juve"

L'amministratore delegato della Juventus, Giuseppe Marotta si sfoga ai microfoni di Radio Anch'Io Sport, lamentando il clima 'difficile' che ogni volta accoglie i bioanconeri quando vanno in trasferta. "Sicuramente il tifo può diventare vessatorio - dice Marotta - Ci sono situazioni non solo riconducibili al tifo. Mi sembra di essere tornati al tempo dei romani e dei gladiatori, 'mors tua, vita meà, ma la situazione deve essere allargata - dice Marotta - è una questione di cultura e di educazione e bisogna trovare gli elementi che possano acculturare questi ragazzi. La situazione sta degenerando: ogni volta che andiamo in trasferta veniamo scortati da blindati della polizia e accolti da bastionate e lanci di pietre". 

Marotta interviene anche sulla polemiche che ha visto coinvolto l'allenatore, Antonio Conte, criticato per l'esultanza un pò sopra le righe durante il finale di Bologna-Juventus: "Si è trattato di piccoli gesti di libertà da tollerare - spiega il dirigente - Quella di Conte è stata un'esultanza rivolta solo alla nostra gente, senza assolutamente mancare di rispetto agli avversari, nonostante lui sia stato insultato dai tifosi avversari in tribuna. Il calcio è un contenitore di emozioni che a mio parere non vanno represse". 

C'è il rischio che Conte vada davvero via dall'Italia, come ha ventilato? "La sua è stata un'esternazione molto istintiva legata alla partita e contingente - puntualizza Marotta - Conte è un ottimo allenatore e spero possa restare alla Juve il più a lungo possibile. La Juventus è una grande società, adesso una delle migliori d'Europa, una società di eccellenza. È ovvio che un allenatore non posso restare una vita in una società, a parte Ferguson, ma io sono certo che nei prossimi anni avremo ancora Conte con noi". 

Marotta, si gode il bel momento della squadra bianconera che ha le mani sullo scudetto e nei quarti di finale di Champions: "Siamo orgogliosi di aver ricostruito una grande società. In campionato siamo messi bene ma mancano ancora nove partite e quindi serve grande umiltà, ci sono ancora tante tappe da superare. Per la Champions posso dire che è motivo di grande orgoglio essere tornati nell'elite e speriamo anche che la fortuna adesso ci assista un pochettino". L'ultima battuta è su Ibrahimovic per ribadire una volta di più che "non verrà alla Juventus".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marotta blocca Conte e denuncia clima ostile contro la Juventus

TorinoToday è in caricamento