Sport

Marchisio sulla telecronaca Inter-Juve: “Fatta da un non vedente”

Oggi le scuse ai non vedenti: "Infelice e sbagliato è stato invece il mio scivolone, ancorché scherzoso, riguardante i non vedenti. Per questo mi scuso: la concitazione del momento ha preso il sopravvento su di me e questo non dovrebbe mai accadere"

Prima il commento via Twitter poi le scuse ai non vedenti arrivate via Facebook alle 14.30 odierne dopo una mattinata all’insegna di dichiarazioni e rimandi a tutti gli organi competenti. Protagonista della vicenda è il centrocampista della Juventus Claudio Marchisio dopo la semifinale di Coppa Italia Inter-Juve ha twittato: “Ammonizione Zaza.... Dicono che ha scalciato. Telecronaca fatta da un non vedente!!”. Il riferimento è al telecronista Rai Gianni Cerqueti. 

Non si è fatta attendere la replica dell'Usigrai che ha chiesto a Juve, Lega Calcio e Figc provvedimenti nei confronti del giocatore. "Le parole di Marchisio hanno offeso un’intera comunità, quella dei ciechi, oltre che un collega che stava svolgendo come sempre in maniera professionale il proprio lavoro. Si tratta di una vicenda e di un'offesa che non può essere liquidata come una ‘caduta di stile’. Sono parole ancora più sgradevoli visto che sono pronunciate da un giocatore della squadra più blasonata e della Nazionale di calcio. Ci auguriamo che Juventus, Lega Calcio e Figc prendano provvedimenti, per render chiaro che i valori della sport nulla hanno a che vedere con questi linguaggi".

Nessun commento ufficiale, per ora, sul sito della società sportiva di corso Galileo Ferraris, su quello di Lega Calcio e Figc.

Intanto, nel primo pomeriggio, ha replicato Marchisio tramite Facebook: “Sono sorpreso che un mio commento ad un’azione di gioco sia stato definito come una ‘delegittimazione’ del lavoro altrui. Ognuno di noi ha il diritto di esprimere il proprio giudizio su una partita. Come calciatore sono abituato ad accettare commenti e opinioni di ogni genere, sia da parte dei tifosi sia da parte dei giornalisti o dei commentatori”.

Il giocatore ha concluso con le sue scuse ai non vedenti: “Infelice e sbagliato è stato invece il mio scivolone, ancorché scherzoso, riguardante i non vedenti. Per questo mi scuso: la concitazione del momento ha preso il sopravvento su di me e questo non dovrebbe mai accadere”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marchisio sulla telecronaca Inter-Juve: “Fatta da un non vedente”

TorinoToday è in caricamento