La Juve torna alla tradizione: le maglie 2020/21 sono di nuovo a strisce

Dopo un anno, ricompare un simbolo della Vecchia Signora

foto da juventus.com

Addio alla maglia da "fantino" e ritorno alla tradizione per la Juventus, che dopo un anno torna alla classica divisa a strisce bianconere.

Il club neo-campione d'Italia per la nona volta fila ha presentato ieri sera le nuove maglie da gioco ufficiali per la stagione 2020-21, e la novità è il ritorno delle classiche strisce abbandonate (con l'eccezione di una maglia speciale contro il Genoa) un anno fa per una scelta che all'epoca aveva scatenato polemiche e ironie. 

"La tradizione è rappresentata dal ritorno delle strisce bianco e nere, che si presentano però in una forma nuova e più moderna. Ecco allora il richiamo all'arte contemporanea: le stripes sono proposte come un’unica pennellata su fronte e maniche, regalando alla divisa un design nuovo e accattivante, che mantiene il DNA del club, comunicando al tempo stesso l'inizio di una nuova era" si legge sul comunicato della Juve, in cui si sottolinea poi la presenza del colore oro nei numeri e nelle scritte e l'ultima evoluzione del nuovo logo, in cui resta solo la J stilizzata, senza più il nome completo Juventus: "Un unico simbolo che da solo basta a rappresentare Juventus e a identificarla nel mondo".

Ecco le foto e il video di presentazione delle nuove maglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

  • Normativa anticovid, controlli nelle aree verdi di Torino: sanzionati 16 sportivi

Torna su
TorinoToday è in caricamento